Capolona

Piscina di Subbiano e Capolona chiusa, ma c'è uno spiraglio: si va verso il project financing

Un impianto pubblico chiuso da mesi, le difficoltà di chi lo gestiva e anche delle famiglie dei ragazzi che lo frequentavano. E' la storia dell'ultimo periodo della piscina comunale di Subbiano e Capolona. Nella pagina Facebook di chi lo ha...

piscina-subbiano

Un impianto pubblico chiuso da mesi, le difficoltà di chi lo gestiva e anche delle famiglie dei ragazzi che lo frequentavano. E' la storia dell'ultimo periodo della piscina comunale di Subbiano e Capolona. Nella pagina Facebook di chi lo ha gestito fino al momento della chiusura è apparso questo messaggio:

"Quando un impianto pubblico chiude, quando chiude una palestra, una scuola o una piscina come nel nostro caso, tutti perdono. Perde chi la gestiva perché si ritrova senza luogo dove far allenare i propri atleti, si ritrova a dover elemosinare spazi acqua da altre parti per poter continuare la propria attività; perde chi ci lavorava perché ovviamente perde il proprio lavoro ed è costretto a reinventarselo o cercarne uno nuovo o da altre parti;
perde chi faceva di quel posto un luogo dove andare per fare attività fisica amatoriale; perde la concorrenza perché con un concorrente sei stimolato a fare meglio; perdono i bambini perché non hanno più un posto dove andare per crescere; perdono gli amministratori perché non hanno saputo essere tempestivi e lungimiranti nel fare le operazioni necessarie per tenerla aperta.
Senza la piscina, Subbiano e Capolona oggi sono più povere, senza la piscina oggi il nuoto è più povero e senza la piscina oggi tutti noi abbiamo perso qualcosa di importante."



Oggi quella che sembra una buona notizia, una via d'uscita per la riapertura della piscina da parte dell'amministrazione comunale di Subbiano: per la piscina l'amministrazione va verso il project financing. Il percorso è stato approvato dalla giunta comunale per far ripartire al meglio e in tempi brevi, l'attività della piscina ritenuta fondamentale per il territorio.


Il sindaco Antonio De Bari spiega:
"Visto che durante l'estate avevamo predisposto i lavori per la messa in sicurezza dal punto di vista sismico, avevamo pensato di riaffidare in via temporanea all'attuale gestore. Purtroppo, per una serie di problematiche indipendenti dalla volontà degli amministratori, questo percorso di passaggio, non è andato in porto. La scelta del project ci consente, a questo punto, di fare i lavori migliorativi che restano da fare, e insieme di riattivare in tempi piuttosto brevi un servizio nel quale crediamo profondamente, prova ne sono i fondi che di recente abbiamo investito".

In merito ai lavori recentemente fatti all'impianto sportivo della piscina comunale parla l'Assessore Alessandro Rossi:
"Durante l'estate appena trascorsa, è stato fatto un intervento di miglioramento sismico alla struttura per un importo di 52.000 euro, fondi che siamo riusciti a mettere in campo grazie ad una gestione virtuosa del bilancio. Adesso il project financing, riservato a soggetti privati, consentirà nei prossimi mesi di realizzare dei lavori di adeguamento alle ultime normative vigenti in materia igienico sanitarie, riguardanti la vasca e gli impianti".

Il sindaco conclude:
"Per noi amministrazioni la piscina rappresenta una struttura di grande valore dove si coniugano la formazione alla sport, la socializzazione in un ambiente sano e sicuro".
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piscina di Subbiano e Capolona chiusa, ma c'è uno spiraglio: si va verso il project financing

ArezzoNotizie è in caricamento