Capolona

Comunali 2018: sette aspiranti sindaci per tre municipi. Le liste e i candidati per Capolona, Pergine-Laterina e Caprese

Manca meno di un mese al prossimo appuntamento elettorale in provincia di Arezzo. Il 10 giugno i comune di Capolona, Caprese Michelangelo e Pergine Laterina chiameranno tutti gli aventi diritto alle urne per scegliere i loro nuovi governi...

elezioni comunali

Manca meno di un mese al prossimo appuntamento elettorale in provincia di Arezzo.
Il 10 giugno i comune di Capolona, Caprese Michelangelo e Pergine Laterina chiameranno tutti gli aventi diritto alle urne per scegliere i loro nuovi governi.

Ieri sono ufficialmente scaduti i termini per presentare le liste con cui i candidati, che in provincia di Arezzo saranno in tutto sette, si presenteranno alla popolazione. Resta fuori dai giochi il Movimento Cinque Stelle che, in questa tornata elettorale, ha scelto di non scendere in campo e di non presentare alcun candidato.
In tutto invece gli aventi diritto chiamati al voto saranno: 9.850.

Capolona
(Sei sezioni 1.861 maschi e 2.043 femmine aventi diritto. Totale 3.904)

La corsa per il rinnovo del consiglio comunale vede due candidati per la poltrona di sindaco.
Alberto Ciolfi per il centro sinistra e Mario Francesconi invece per una civica trasversale.
Il primo è attualmente il primo cittadino del comune del basso Casentino ed in passato ha ricoperto anche ruoli di rilievo tra cui la presidenza di Coingas.
Mario Francesconi invece, così come si è presentato attraverso una nota diffusa agli organi di stampa: "non un politico di professione, ma un cittadino che, come tutti noi e quanti vorranno condividere il nostro progetto, pensa che sia necessario dedicarsi, insieme al suo gruppo, alla reale ri-costituzione della Comunità di Capolona".
Alberto Ciolfi in questa campagna elettorale si presenta con la lista civica Progetto di Comunità. Con lui candidati consiglieri ci sono: Monica Baccianella, Liza Ballerini, Ilenia Bindi, Riccardo Buffetti, Sario Dini, Stefano Innocenti, Mauro Marzi, Tiziana Mazzuoli, Pier Luigi Monticini, Riccardo Peruzzi, Gabriella Porpiglia, Francesco Rossi.
Mario Francesconi invece rappresenta la lista civica Futuro per Capolona.







"Abbiamo raccolto in questa lista trasversale 8 uomini e 4 donne, che possano dare voce al mondo dell'impresa, del lavoro, dell'associazionismo, del sociale e della cultura di Capolona. L'unica cosa che non c'è - spiega il candidato - è il concetto di partito, perché credo fortemente che i partiti politici, non abbiano dato risposte alle esigenze del nostro paese. Noi tutti riteniamo che oggi debba essere un gruppo di persone a concretizzare un progetto, non un simbolo partitico". Il gruppo è eterogeneo e rappresentativo delle diverse realtà che costituiscono il tessuto sociale di Capolona: imprenditori, educatori, professionisti, madri e padri che vivono questo paese ogni giorno e che nel paese svolgono la propria attività lavorativa, associativa, sociale, sportiva, scolastica e aggregativa. La serata di ufficializzazione della Lista civica, dopo la presentazione dei candidati e delle linee guida dell'ampio programma elettorale, è proseguita dando voce agli sfoghi di molti cittadini che sono intervenuti riportando le problematiche di primaria importanza per il paese: scuola, sicurezza, decoro, rapporti con il comune di Subbiano. Questo in primis, secondo i candidati, era scopo della serata e di quelle a venire: ascoltare le idee e dare spazio alle esigenze dei cittadini, in modo da costruire una progettualità quanto più possibile partecipata. "Il programma elettorale di Futuro per Capolona", dichiara il candidato Sindaco Francesconi, "si ispira ad un grande senso di responsabilità e serietà, tenendo conto delle difficoltà oggettive del momento: lo stesso, infatti, è stato redatto ascoltando e dialogando con la popolazione, con l'intento di ricostituire un senso di Comunità, che è venuto meno in questi anni, e creare i presupposti per una naturale unificazione con il comune di Subbiano.






/politica/futuro-capolona-candidato-sindaco-mario-francesconi/

Pergine Valdarno - Laterina
(8 sezioni 2.322 maschi e 2.499 femmine aventi diritto. Totale 4.876)

Nel Valdarno sono tre i candidati che si presentano alla prima corsa per il primo sindaco eletto nel nuovo comune unico.
Simona Neri è l'unica donna in corsa in tutti e tre i comuni dell'Aretino. Ultimo sindaco di Pergine Valdarno si presenta al giudizio degli elettori in rappresentanza del centro sinistra con la lista "Uniti".

Pronto anche il candidato di "Sinistra per Laterina Pergine Valdarno".
Giovanni Lari,
56enne ed ex assessore dell'ultima giunta del comune di Laterina (quella capitanata da Catia Donnini) è colui che rappresenta il gruppo e concorre per la carica di primo cittadino.
La lista che lo appoggia è composta da: Manuela Minetti, Silvano Bianchi, Nadia Giuseppina Brandi, Remo Bulletti, Sara Di Lello, Pietro Curto, Francesca Lamioni, Fausto Tenti, Vanessa Milaneschi, Lucia Ornamenti, Matteo Nocentini, Rossella Lattanzi.


Ci presentiamo alle/ai cittadine/i elettrici/tori del Comune unico con le nostre "facce", senza infingimenti e senza nascondersi dietro liste pseudo-civiche come fanno Bellezza (rappresentante inequivocabile del centrodestra) e Neri (candidata inconfondibile del PD)? Noi lanciamo una proposta alternativa e di cambiamento - di cittadinanza e di sinistra - per il prossimo 10 giugno, proponendo politiche locali che mettano al centro gli ultimi della nostra comunità, la lotta alla diseguaglianza sociale, alla povertà, facendo in modo che il Comune di Laterina Pergine Valdarno diventi un laboratorio per la giustizia sociale: progressività fiscale, politiche - per quanto di competenza - redistributive che garantiscano il diritto all'abitare, alla salute, ad un comune vivibile, insomma ad una vita dignitosa... Noi vogliamo difendere i servizi municipali - e con essi i diritti delle/dei cittadine/i - che gli enti locali sono stati e sono costretti a tagliare drasticamente a causa delle politiche di austerità imposte dall'alto: deroga dai vincoli di bilancio a partire dall'applicazione piena della Sentenza della Corte Costituzionale che conferma che vengono prima la tutela costituzionale dei diritti primari della popolazione e solo dopo i vincoli imposti dalla scarsità di risorse... La nostra lista è composta da persone semplici, che con spirito democratico e forte motivazione hanno deciso di dedicare il proprio tempo alla loro comunità, onde valorizzare il bene esistente e favorire la crescita del nostro Comune: abbiamo una visione d'insieme e decisamente solidale, affinché la capacità di coesione e di unione siano in grado di fare la differenza della quale si sente il bisogno.

Il candidato per il centrodestra invece è Stefano Bellezza e si presenta con la lista civica Futuro Comune.
Con lui in questa avventura ci saranno: Daniele Borri, Matteo Bruni, Alessia Di Gregorio, Ilaria Ghinazzi, Leonardo Guarducci, Massimo Lalli, Chiara Legnaiuoli, Jacopo Luman, Alberto Ricci, Marco Sacchetti, Barbara Sestini, Jacopo Tassini.

Caprese Michelangelo
(2 sezioni 514 maschi e 556 femmine aventi diritto. Totale 1.070)

Dopo lunga attesa finalmente i nomi definitivi.
Due in tutto i candidati che si affronteranno: Claudio Baroni per il centrodestra e Fabio Santioni per il centrosinistra.
Baroni, perito fisico-meccanico e imprenditore, 54 anni sposato e padre di una figlia: persona conosciuta e impegnata pure nel mondo dell'associazionismo, è a capo della lista civica Noi per Caprese. Candidati consiglieri invece Gabrio Spapperi, Paolo Acquisti, Ilaria Finocchi, Federico Cungi, Onelia Nardelli, Gabriele Bigiarini, Federico Donati, Mattia Capoccetti, Stefano Finocchi, Monica Puzzella.
"E' stato il senso di responsabilità che mi ha spinto a fare questo passo - ha detto Baroni - ho trascorso quattro anni nei banchi dell'opposizione, facendomi sentire ancora più parte di una comunità che deve essere difesa e rappresentata degnamente. Caprese Michelangelo dovrà affrontare sfide importanti per riuscire a mantenere quei pochi servizi rimasti: non promettiamo grandi opere, poiché la situazione finanziaria è al limite della sostenibilità. Insieme a me c'è una squadra di persone che ha il mio stesso pensiero e impegno: 'Noi per Caprese Michelangelo' è un progetto vasto e importante, che può coinvolgere tutti i cittadini che vogliono bene a questo territorio; dieci persone, uomini e donne, di età e interessi diversi ma legati insieme da un progetto comune. Il nostro impegno è quello di essere presenti e attenti ai bisogni di tutti, con particolare attenzione alle tante persone anziane che devono essere ascoltate. Caprese Michelangelo deve essere presente in ogni tavolo istituzionale, ad ogni trattativa o riunione con gli altri enti; non dobbiamo essere lasciati soli e neppure subire decisioni prese da altri. Dobbiamo difendere il nostro Comune e il nostro territorio. Caprese Michelangelo ha tante potenzialità di sviluppo sia dal punto di vista turistico, che culturale ma anche economico. Per sviluppare tutto ciò è essenziale un gioco di squadra". Durante la mattinata, che si è conclusa con un brindisi augurale, sono stati presentati anche i dieci componenti della lista che - ricordiamo - prende il nome di "Noi per Caprese Michelangelo".

Fabio Santioni è invece il candidato di "Rinnovamento per Caprese", lista civica che si occuperà di rappresentare l'area di centrosinista della comunità valtiberina.

Gallery

© Riproduzione riservata

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comunali 2018: sette aspiranti sindaci per tre municipi. Le liste e i candidati per Capolona, Pergine-Laterina e Caprese

ArezzoNotizie è in caricamento