rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Casentino

In biblioteca nasce il Centro alti studi del Casentino

Il progetto prevede la realizzazione di un centro di riferimento per gli studi di arte e della cultura generale in Casentino, finalizzato a studiare, promuovere e valorizzare il territorio ed il patrimonio culturale casentinese.

Presso la Biblioteca comunale Giovannini è nato ufficialmente il "Centro Alti Studi del Casentino" promosso dall’associazione Mazzafirra. 

Il progetto prevede la realizzazione di un centro di riferimento per gli studi di arte e della cultura generale in Casentino, finalizzato a studiare, promuovere e valorizzare il territorio ed il patrimonio culturale casentinese. L’assessora alla Cultura Francesca Nassini commenta: "Il progetto che ci è stato proposto, offre l’occasione di valorizzare ulteriormente la Biblioteca comunale oltre che di attivare progetti importanti dedicati e rivolti ai giovani della vallata. Credo inoltre che l’iniziativa possa offrire un impulso ancora più vivace alle iniziative culturali di Bibbiena e del Casentino". 

Il Comune ha concesso a Mazzafirra tre stanze della Biblioteca. Gli ambienti sono destinati al centro ma svolgono anche la funzione di sede operativa dell’associazione che vi potrà svolgere tutte le sue attività, in particolar modo, quelle legate all’editoria e all’organizzazione e gestione delle iniziative ed eventi culturali oltre ad utilizzare gli ambienti per corsi di formazione con la finalità della promozione turistica e culturale. 

Una delle finalità del centro, infatti, è proprio quella di offrire uno spazio formativo e orientativo rivolto ai ragazzi delle scuole superiori. Con l’attivazione del centro studi, parte così anche un percorso di 20 ore per sette studenti dell’Istituto Tecnico turistico del Casentino. 

Gli ambienti saranno destinati anche a sede per lo svolgimento di progetti di alternanza scuola - lavoro con l’Isis Galilei – Itt di Poppi e di progetti di tirocinio curriculare universitari con le Università di Siena e Firenze, già convenzionati con l’associazione, finalizzati a fare acquisire agli studenti conoscenze in merito allo studio, valorizzazione e promozione dei beni culturali locali. 

L’assessora Nassini conclude: "Credo che le attività che Mazzafirra svolgerà all’interno della biblioteca potranno essere di grande aiuto per la crescita della nostra Biblioteca e per portare la stessa fuori dalle sue mura e in mezzo ai giovani del territorio. Ringrazio Michel Scipioni, presidente di Mazzafirra e gli operatori della struttura comunale per la loro disponibilità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In biblioteca nasce il Centro alti studi del Casentino

ArezzoNotizie è in caricamento