CasentinoNotizie

Tamponi drive through all'interno del capannone della protezione civile. Il sindaco: "Grazie a chi lo ha reso possibile"

I primi tamponi nella nuova sede del drive through sono stati effettuati questa mattina da due infermiere del territorio, Marzia Rossi e Cinzia Lapini

Il drive through per il covid19 si è spostato da questa mattina al capannone della protezione civile di Bibbiena a causa del maltempo. Il cambiamento delle condizioni meteo non consente di effettuare i tamponi nel parcheggio di zona Ferrantina tra Soci e Bibbiena, per questo, con il coordinamento del Comune, l'attività si è trasferita nel capannone sede della protezione civile che si trova di fronte alla caserma dei vigili del fuoco.

“Ringrazio la famiglia Piantini (Ales arredi) per averci messo a disposizione questo capannone come protezione civile che oggi diventa anche il luogo in cui si effettuano i tamponi per il covid19 - spiega il sindaco Filippo Vagnoli - Ancora degli imprenditori che aiutano le istituzioni ed i cittadini in questo momento così duro per tutti. Numerosi imprenditori, già dalla prima fase, hanno fatto cospicue donazioni alla protezione civile e all’ospedale. Li ringrazio nuovamente per la vicinanza. La situazione sanitaria è stazionaria, tutti i giorni ci sono nuovi positivi e anche nuove guarigioni ma ancora non abbiamo visto una riduzione significativa dei contagi. Spero che i comportamenti responsabili di tutti possano portare presto dei cambiamenti e quindi all’uscita dalla zona rossa”.

Il comune sta riorganizzando anche gli aiuti alle famiglie. “Mettiamo a disposizione le proprie forze per i cittadini in difficoltà con i servizi di spesa a domicilio e medicinali a domicilio. Servizi importanti e gratuiti. Poi stiamo anche riorganizzando i buoni spesa per le famiglie più fragili del nostro territorio. Vorrei ringraziare di nuovo tutte le associazioni di volontariato che da tantissimo tempo ci stanno supportando in questo difficile percorso: i carabinieri in pensione, le misericordie di Bibbiena e Soci e la Croce Rossa, il loro impegno è stato ed è immenso”.

I primi tamponi nella nuova sede del drive through sono stati effettuati questa mattina da due infermiere del territorio, Marzia Rossi e Cinzia Lapini che hanno sottolineato come: “il momento è durissimo perché non c’è solo il covid19, ma anche tutta l’assistenza domiciliare agli anziani e ai malati cronici. Siamo molto in tensione e sotto stress ma ce la stiamo mettendo tutta. Vorremmo che anche i cittadini si rendessero conto i loro sforzi sono necessari per uscire presto da questa pandemia. Solo insieme possiamo farcela e non è solo un modo di dire. Vogliamo fare un saluto grande a tutti i bambini che si sono fatti il tampone, perché sono bravissimi. Noi abbiamo più paura quando c’è un bambino, ma sono loro che ci aiutano, ci dimostrano fiducia e ottimismo e tutto diventa più semplice”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Quando si esce dalla zona rossa? Le Toscana spera a dicembre. Ma Arezzo ha un indice Rt che spaventa

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento