CasentinoNotizie

Uso consapevole dei social, donato un manuale agli studenti delle medie

Il testo dal titolo "Social o Dis-social?" è stato scelto dagli amministratori di Bibbiena per portare i ragazzi a riflettere su un tema molto attuale e molto vicino alla loro realtà quotidiana che è appunto quello del social e del loro utilizzo

Donato ai ragazzi delle prime medie degli Istituti di Bibbiena e di Soci il libro dal titolo Social o Dis-social?. Misura il tuo modo di stare (bene) nella rete (Funtasy Edizioni) scritto dal giornalista e saggista Roberto Alborghetti. Si tratta di una guida per Under 14 che cerca di guidare i ragazzi nell’utilizzo consapevole della tecnologia come una grande opportunità e non come un'esperienza che può ostacolare il ben-essere personale.

Il testo è stato scelto dagli amministratori di Bibbiena per portare i ragazzi a riflettere su un tema molto attuale e molto vicino alla loro realtà quotidiana che è appunto quello del social e del loro utilizzo.

Il Sindaco Filippo Vagnoli commenta: “Il contenuto dei libri, inoltre, vuole portare all’interno delle scuole e delle famiglie, motivi di riflessione validi per migliorare il nostro modo di stare insieme e di costruire insieme il futuro. Promuovere l’educazione digitale è importante, soprattutto se si considerano tutte le problematiche che emergono quando si parla di adolescenti e social. Diviene quindi fondamentale accrescere ulteriormente la loro consapevolezza riguardo all’utilizzo di queste piattaforme”.

Per questo motivo il sindaco ha invitato gli stessi ragazzi ad un evento online di confronto in cui coinvolgere il Capitano dei Carabinieri di Bibbiena Giuseppe Barbato.

Si tratta innanzitutto di un faccia a faccia tra i ragazzi e il sindaco Vagnoli con domande e curiosità sull’uso dei social nelle attività di contatto e comunicazione. Successivamente verrà organizzato un momento di confronto con il Capitano per gli aspetti inerenti la legalità e il rispetto dell’altro quando ci troviamo ad interagire su queste piattaforme.

Vagnoli commenta: “Come ho detto ai ragazzi al momento della consegna dei libri i social sono uno strumento importante e come tale se ben utilizzato, possiamo avere dei benefici; se al contrario viene male utilizzato può portare a fare del male agli altri. Questi aspetti di educazione al digitale credo siano fondamentali in una società come la nostra e sono bene contento di condividere con questi ragazzi che si stanno affacciando all’adolescenza, alcuni temi a loro molto vicini. Come amministratori possiamo dare un esempio importante”.

Francesca Nassini commenta: “Questo tema è molto importante per tutti noi. Abbiamo per questo pensato di intraprendere un percorso di approfondimento e di confronto tra istituzioni, scuola, famiglie e soprattutto ragazzi. Lo organizzeremo per l’anno nuovo, cercando di raccogliere gli input dei ragazzi stessi. Ringrazio come sempre gli istituti di Soci e Bibbiena per la disponibilità”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm in arrivo: regioni chiuse e nuova divisione per colori. Cosa cambia per la Toscana

  • Toscana ancora in zona gialla? Si decide. Nuovo Dpcm: massimo 2 ospiti non conviventi in casa

  • Saturimetro: come funziona e quali sono i migliori modelli da acquistare on line

  • Banda dell'Audi bianca, è caccia aperta: le segnalazioni e la foto virale che fa sperare nell'arresto. Ma è un'altra operazione

  • Arrivati i nuovi vaccini Covid: ecco chi può accedere e come prenotarsi. Arezzo al top per somministrazioni

  • "Pettorina finta e Glock in mano, così ho capito che non erano carabinieri". Il vocale che svela i trucchi della banda dell'Audi bianca

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento