CasentinoNotizie

Famiglie in quarantena separata, il Comune di Bibbiena dà 15 euro al giorno di compartecipazione alle spese

L'assessore: “Si tratta di una compartecipazione ai costi sostenuti da coloro che, accertata la positività di un componente della famiglia, devono trascorrere la quarantena imposta dalle autorità sanitarie, in un alloggio alternativo alla propria abitazione per accorciare i tempi di isolamento”

Il Comune di Bibbiena compartecipa alle spese in caso di quarantena separata.

L’assessore al sociale Francesco Frenos spiega così la manovra: “Si tratta di una compartecipazione ai costi sostenuti da coloro che, accertata la positività di un componente della famiglia, devono trascorrere la quarantena imposta dalle autorità sanitarie, in un alloggio alternativo alla propria abitazione per accorciare i tempi di isolamento”.

 La compartecipazione da parte del Comune sarà nella misura del 50% del costo sostenuto dal cittadino disposto in quarantena e, comunque, per non più di 15 euro al giorno.

Frenos continua a spiegare: “Si possono scegliere alberghi, agriturismi o stanze in affitto per allontanarsi dal proprio nucleo familiare in cui c’è una positività in atto, proprio allo scopo di accorciare i tempi e poter tornare prima al proprio posto di lavoro. Anche nel nostro territorio abbiamo riscontrato tanti casi del genere e con questo piccolo contributo vorremmo sostenere tutti i lavoratori”.

 La compartecipazione verrà riconosciuta sotto forma di rimborso spese a fronte della presentazione all’ufficio per il sociale del Comune di Bibbiena delle attestazioni di avvenuto pagamento delle spese, che dovranno indicare anche il periodo di permanenza nell'alloggio e di altri documenti quali il documento sanitario che certifica la positività del congiunto e l’autodichiarazione del lavoratore.

L’assessore al sociale conclude: “Quello dell’amministrazione vuole essere un ulteriore gesto di vicinanza nei confronti delle famiglie. Il nostro monitoraggio sulle condizioni dei nostri nuclei familiari è continuo e con questa manovra vorremmo proprio aiutare coloro che stanno optando per una situazione di quarantena preventiva alternativa per poter tornare prima la lavoro”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento