rotate-mobile
Bibbiena Bibbiena / Via Bosco di Casina, 12

"Progetto di Vita: un nuovo approccio per i diritti delle persone con disabilità". L'incontro

L'incontro si terrà venerdì 1° dicembre alle ore 14:30 presso la Fondazione Baracchi, situata in via Bosco di Casina 12, Bibbiena

La Fondazione Giovanni Paolo II, in collaborazione con la Fondazione Riconoscersi e grazie al contributo della Fondazione CR Firenze, è lieta di annunciare l'organizzazione dell'evento "Progetto di Vita: un nuovo approccio per i diritti delle persone con disabilità".

L'incontro si terrà venerdì 1° dicembre alle ore 14:30 presso la Fondazione Baracchi, situata in via Bosco di Casina 12, Bibbiena. La Fondazione Giovanni Paolo II è da anni attiva in Medio Oriente e in Italia, soprattutto in Toscana, nell’assistenza a categorie fragili; la Fondazione Riconoscersi dal 2013 collabora con servizi pubblici e Enti del terzo settore per far crescere la cultura dei diritti delle persone con disabilità e dei loro familiari. Questo evento, si inserisce all’interno di “Un progetto per la vita in Casentino”, reso possibile grazie al contributo di Fondazione CR Firenze, sempre attiva a sostegno delle iniziative sul territorio. L'evento sarà focalizzato sulla tematica dell'inclusione sociale, dell'autonomia e dell'indipendenza delle persone con disabilità, attraverso l'utilizzo degli strumenti del "Progetto di Vita" e del "Dopo di Noi".

Offrirà un'opportunità di approfondimento sullo stato dei servizi sociali nel territorio, alla luce della Convenzione ONU del 2006 e della legge di ratifica ed esecuzione n°18 del 2009. Saranno discussi i decreti delegati recentemente emessi dal Ministero della Disabilità. La giornata inizierà con saluti istituzionali da parte del Sindaco di Bibbiena Filippo Vagnoli, il Presidente dell'Unione dei Comuni del Casentino, Carlo Toni, Marzia Sandroni, Direttore della Zona distretto sociosanitaria del Casentino e la Sindaca di Talla, Eleonora Ducci. Seguiranno gli interventi di Mauro Conticini, Presidente della Fondazione Riconoscersi, che fornirà un quadro sull'implementazione del Progetto di Vita nella provincia di Arezzo; Andrea Bottinelli, Presidente della Fondazione Giovanni Paolo II, che illustrerà la relazione strategica tra le fondazioni a livello territoriale. Natascia Curto del Centro Studio per i Diritti e la Vita Indipendente dell'Università di Torino, aggiornerà sul quadro normativo e sulla progettazione capacitante come frame metodologico. Al dibattito della Tavola Rotonda parteciperanno invece, Faustina Bertollo, Associazione Crescere; Alessandra Polmonari, Amica Rete; Mara Mammuccini, Fondazione Riconoscersi; Cristina Giuntini, Istituto Comprensivo Guido Monaco; Patrizia Castellucci, Direttrice Servizi Sociali ASL; Daniela Nocentini, Unione dei Comuni.

Modererà l’evento Alessio d’Aniello, Coordinatore del progetto "Un progetto per la vita in Casentino". Serena Spinelli, Assessora regionale, chiuderà l'evento offrendo un quadro completo delle diverse prospettive interdisciplinari emerse durante la tavola rotonda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Progetto di Vita: un nuovo approccio per i diritti delle persone con disabilità". L'incontro

ArezzoNotizie è in caricamento