menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arriva Oida Campus, il comune di Bibbiena mette a disposizione due borse di studio per giovani musicisti

Il progetto, che si terrà a Chiusi della Verna, consiste in un percorso intensivo di formazione e di ricerca espressivo-artistica che parte dalla musica, con l’obiettivo di dar voce ad un’esperienza personale e collettiva unica ed edificante per giovani dai 10 ai 20 anni

Il Comune di Bibbiena ha dato il suo patrocinio, oltre che un contributo per due borse di studio, all’iniziativa di Oida Campus che si svolgerà nel mese di luglio.

Il progetto, che si terrà a Chiusi della Verna, consiste in un percorso intensivo di formazione e di ricerca espressivo-artistica che parte dalla musica, con l’obiettivo di dar voce ad un’esperienza personale e collettiva unica ed edificante per giovani dai 10 ai 20 anni.

La summer school, che avrà l’onore di essere diretta da maestri di fama nazionale ed internazionale, si articolerà in due settimane intensive e residenziali: dal 12 al 18 luglio per i ragazzi dai 10 ai 14 anni e 19-25 luglio per i ragazzi dai 14 ai 20 anni.

Gli obiettivi che si pongono questi percorsi paralleli sono molteplici: approfondire il repertorio orchestrale e della musica d’insieme, favorire una dimensione comunitaria in cui giovani siano promotori di scambio e convivenza, dialogare attraverso registri artistici diversi.

L’esperienza rilascerà l’attestazione per i crediti formativi per l’alternanza scuola-lavoro.

La borsa di studio junior andrà all’Istituto Bernardo Dovizi di Bibbiena, l’altra ovvero quella senior andrà alla Filarmonica di Soci. Scuola e Filarmonica sceglieranno a chi assegnare le borse di studio messe a disposizione del Comune.

"Con grande orgoglio anche Bibbiena ha dato il proprio patrocinio oltre che un contributo per le borse di studio a questa bellissima iniziativa formativa e cultura rivolta ai giovani - commenta Francesca Nassini, assessora alla Pubblica istruzione e alla Cultura -. Il periodo che stiamo attraversando sta pesando molto sui nostri ragazzi i quali, privati anche della scuola, hanno sofferto e stanno soffrendo moltissimo. Credo sia nostra responsabilità far ripartire dei meccanismi che consentono loro di socializzare esprimendosi attraverso l’arte e la musica. Grazie ad Oida per l’organizzazione e grazie a tutta la Giunta per aver accolto con favore la mia richiesta. Soddisfatta anche per le borse di studio che metteremo a disposizione degli allievi più meritevoli del territorio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Toscana zona gialla da quando? Gli scenari

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento