CasentinoNotizie

Nuovo Dpcm, il grido d'allarme del Casentino

Categorie già penalizzate dal lockdown adesso si ritrovano nuovamente a fare i conti con chiusure anticipate e provvedimenti che possono rivelarsi devastanti per bar, ristoranti e negozi

Dopo l’ultimo Dpcm rilasciato dal Governo, le imprese del territorio lanciano un nuovo grido di allarme: ancora una volta, infatti, le decisioni prese per contrastare l’emergenza Covid penalizzano categorie che sono già  in grande difficoltà dopo mesi in cui hanno  dovuto fare i conti con spese e chiusure.

“Questo  ultimo Dpcm  si accanisce ingiustamente contro le imprese del terziario anziché prendere provvedimenti incisivi sul buon funzionamento delle strutture e dei servizi pubblici, dal trasporto alla sanità - commenta Luca Boccalini responsabile Confcommercio Casentino – il Governo si ostina a considerare gli imprenditori come “untori”, quando invece sono la forza del nostro paese  e, soprattutto, quando è certo che potrebbero essere individuati altrove i comportamenti realmente irresponsabili in questa lotta contro la pandemia”.
In questi mesi anche gli imprenditori della vallata, i proprietari di bar, negozi, ristoranti si sono indebitati  per mettere in sicurezza le proprie aziende permettendo così ai propri clienti di entrare in luoghi  sicuri, fare i test sierologici ai propri dipendenti e adesso le nuove disposizioni mettono in ginocchio ancora una volta l’economia locale.
“Oltre ai soldi spesi per mettere in sicurezza i negozi, ci sono state anche attività che a causa di contatti con positivi hanno chiuso per loro scelta  senza che nessuno li obbligasse ed ora si vedono costretti a chiudere ancora una volta  oltretutto senza certezze su una riapertura – prosegue Boccalini -  l'impatto sul tessuto commerciale sarà pesantissimo e coinvolgerà soltanto le attività commerciali ma tutta la filiera. Spesso si sente dire che queste sono attività non essenziali ma ci si deve rendere conto che dietro ci sono persone, famiglie, che devono andare avanti e spesso gli aiuti non sono sufficienti neanche per l'affitto”.

La Confcommercio chiede, quindi, risposte serie e veloci che possano dare un sostegno reale alle famiglie degli imprenditori locali. “Siamo consapevoli della gravità della situazione epidemiologica e coscienti della necessità di provvedimenti per abbassare la curva dei contagi chiediamo a tutti i cittadini di fare la massima attenzione e rispettare le norme prescritte – conclude Boccalini – questa pandemia però non si combatte chiudendo le imprese ma potenziando i servizi pubblici e facendo leva sul senso di responsabilità dei cittadini. Intanto mercoledì 28 ottobre, alle 11,30 a Firenze,  come in altre piazze d'Italia, ci sarà una manifestazione  pacifica senza corteo, ordinata e silenziosa dei ristoratori e di tutto il mondo della somministrazione, per far capire a chi ha fatto questi provvedimenti che non è cosi che si ferma il contagio, ma cosi si uccide un settore e si manda sul lastrico le imprese e le famiglie”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento