Giovedì, 24 Giugno 2021
Bibbiena

Coronavirus. Vagnoli: "Mi affido ai miei cittadini affinché le regole vengano rispettate”

Le regole di base a cui fa riferimento il sindaco sono ovviamente quelle igienico sanitarie, il lavarsi spesso le mani, il non toccarsi bocca, occhi e naso, il tossire e starnutire sul gomito, evitare contatti stretti, mantenere sempre una distanza di sicurezza di un metro

E' il sindaco di Bibbiena Filippo Vagnoli, nel suo ruolo di coordinatore socio sanitario per il Casentino, a rendere noti gli ultimi aggiornamenti in merito all’emergenza Covid-19 per la vallata.

“Ci siamo confrontati sia con i responsabili dei vari settori in comune, che tra i sindaci della vallata. L’appello che vorrei fare a tutti i miei cittadini va nella direzione di una presa di responsabilità collettiva. L’obiettivo che dobbiamo porci in maniera seria è quello di frenare il più possibile il contagio e questo per dare modo alla macchina sanitaria di poter agire nel migliore dei modi in quei casi che risultassero più gravi. Le crisi si risolvono tutti insieme, senza allarmismi e senza esagerazioni ma con un patto collettivo fatto di impegno costante e buon senso. Io mi affido ai miei cittadini e mi fido di loro affinchè le regole che le autorità centrali ci danno vengano rispettate e accolte nel migliore dei modi per il bene di tutti”.

Le regole di base a cui fa riferimento il sindaco sono ovviamente quelle igienico sanitarie, il lavarsi spesso le mani, il non toccarsi bocca, occhi e naso, il tossire e starnutire sul gomito, evitare contatti stretti, mantenere sempre una distanza di sicurezza di un metro.

Ribadite anche le indicazioni espresse nel decreto Conte che riguardano soprattutto la sospensione delle attività didattiche di ogni grado (compresi asili nido) fino al 15 marzo. Fino al 3 aprile sospese tutte le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura, ivi compresi quelli cinematografici e teatrali, svolti in ogni luogo pubblico o privato, che comportano affollamento tale da non rispettare la distanza di sicurezza di 1 metro; sospesi tutti gli eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina; rimangono consentite quelle agonistiche purché a porte chiuse e con controlli da parte del proprio personale medico; lo sport di base e le attività motorie in genere, svolte all’aperto o in palestra, piscina e centri sportivi di ogni tipo sono consentiti a condizione che sia rispettata la distanza di 1 metro tra le persone. Viene raccomandato alle persone anziane o immunodepresse o con patologie croniche di evitare di uscire di casa salvo in casi di stretta necessità e di evitare comunque luoghi affollati nei quali non sia possibile rimanere a 1 metro di distanza.

“Siamo a disposizione di tutti coloro che vogliono informazioni sui comportamenti da tenere nell’ambito delle proprie attività - ha concluso Vagnoli - La mia presenza in comune è costante e i cittadini non saranno mai lasciati soli in tutto questo”.


 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus. Vagnoli: "Mi affido ai miei cittadini affinché le regole vengano rispettate”

ArezzoNotizie è in caricamento