menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Borri per i giovani del territorio: accordo con il Polo Universitario Aretino

L'azienda annuncia il suo ingresso nel comitato di indirizzo del Polo Universitario Aretino, con l’obiettivo di sostenere la formazione dei giovani e il loro ingresso nel mondo del lavoro

È con grande soddisfazione che Borri, società specializzata nella progettazione, produzione e assistenza di sistemi per la protezione dell’alimentazione in applicazioni industriali e ICT, annuncia il suo ingresso nel comitato di indirizzo del Polo Universitario Aretino, con l’obiettivo di sostenere la formazione dei giovani e il loro ingresso nel mondo del lavoro, all’interno della propria vallata e provincia.

Protagonista dal 1932 della realtà industriale casentinese, Borri rappresenta un’eccellenza nel proprio settore grazie alla sua forte internazionalizzazione, competenza e affidabilità. Questa iniziativa non fa che confermare l’impegno dell’azienda con il mondo accademico e gli istituti superiori, con i quali collabora ormai da tempo, per formare giovani professionisti nei campi dell’elettronica di potenza e della meccanica.

“Borri ha da sempre un rapporto molto stretto con il proprio territorio. I giovani costituiscono per noi un’importante risorsa su cui investire. Collaboriamo da anni con gli istituti superiori della provincia e con le università, dando la possibilità a studenti ben preparati di affacciarsi al mondo del lavoro. Con questa collaborazione ci prefiggiamo l’obiettivo di costruire con il Polo Universitario Aretino progetti di formazione mirati, che ci permettano di identificare con maggiore facilità giovani motivati e pronti a mettersi in gioco” - afferma Fausto Beoni, CEO Borri.

Al progetto hanno aderito altre grandi aziende del territorio tra le quali Abb Evi, Aruba, Fimer, MB Elettronica, Saima, Seco, Visia Imaging, Zucchetti Centro Sistemi.

Questo progetto prevede importanti novità: il corso di laurea in ingegneria informatica del prestigioso Politecnico di Milano verrà sviluppato capillarmente su tutto il territorio, attraverso accordi tra il Polo Universitario e i primi istituti superiori delle 4 vallate di riferimento della nostra provincia. Già presi accordi con l’I.S.I.S. Valdarno, l’I.S.I.S. Enrico Fermi di Bibbiena, l’I.S.I.S. Galileo Galilei di Arezzo e l'I.S.I.S. Vegni di Cortona, che prevederanno presso le proprie sedi locali adibiti a “unità distaccate” del corso di ingegneria informatica. 

L’offerta del Polo Universitario Aretino si amplierà inoltre con nuovi corsi universitari e corsi post-diploma ITS, speciali percorsi formativi non universitari, nati per rispondere alla domanda delle imprese di nuove ed elevate competenze tecniche e tecnologiche anche nell’area dell’elettronica e della meccanica, per promuovere i processi di innovazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Anche a Monte San Savino si può firmare per la "Legge antifascista"

  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento