CasentinoNotizie

Bibbiena, le celebrazioni per il 65esimo anniversario della Liberazione

Lunedì 28 Agosto 2017 Bibbiena festeggia il 73esimo anniversario della Liberazione di Bibbiena. L’amministrazione, in collaborazione Anpi con il Comitato provinciale di Arezzo e sezione Casentino, promuove un momento di festa e soprattutto di...

BIBBIENA-2

Lunedì 28 Agosto 2017 Bibbiena festeggia il 73esimo anniversario della Liberazione di Bibbiena. L’amministrazione, in collaborazione Anpi con il Comitato provinciale di Arezzo e sezione Casentino, promuove un momento di festa e soprattutto di riflessione da condividere con la popolazione.

Alle ore 17,30 presso il Salone Consiliare del Comune di Bibbiena si terrà un momento dedicato al ricordo con il coinvolgimento di Luca Grisolini, Presidente del Comitato Provinciale Anpi. Grisolini attraverso documenti e libri da lui redatti nel corso degli anni, racconterà i momenti salienti della Liberazione della cittadina.

Alle ore 18,30 si terrà la Santa Messa In Propositura al termine della quale

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
il corteo partirà, accompagnato dalla FILARMONICA BIBBIENESE SERENI, per raggiungere il Monumento ai Caduti dove verrà depositata una corona. Giugno 1944 - Aprile 1945: furono necessari undici mesi per liberare la Toscana dai nazifascisti. In Toscana la Resistenza segnò profondamente il senso di appartenenza fra cittadini e forme di autogoverno democratico dopo la dittatura fascista, gli anni della guerra e l'invasione nazista. Il giorno della Liberazione è rimasto una data fondamentale per tante città e paesi, per la storia e l'identità delle comunità locali. In quel giorno quasi sempre fu un gruppo di partigiani ad annunciare la fine dell'occupazione nazista. In Toscana gli eserciti alleati trovarono, per la prima volta in modo così esteso nel corso della loro risalita dal Sud, forme già costituite di autogoverno locale. La Liberazione venne salutata dal suono delle campane, dai falò sulle colline, dallo sventolio di vecchie bandiere. La popolazione tornò nelle strade, si accalcò nelle piazze. In alcuni casi città e paesi, una volta liberati, dovettero far fronte, ancora per giorni, alle insidie di un esercito in ritirata e allo sbando. Date ben vive nella memoria delle comunità e che meritano di essere ancora ricordate.

(Testo e informazioni tratti da: https://www.regione.toscana.it/-/i-giorni-della-liberazione)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento