CasentinoNotizie

Francesco Tosto, da adolescente decise di seguire il babbo artigiano. Premio fedeltà al lavoro

La storia professionale e umana di Francesco inizia quando lui aveva appena 14 anni. Un adolescente che fa una scelta di campo abbastanza difficile, ovvero quella di seguire il padre nell’attività artigianale

“La passione ti rende audace” è il motto di Francesco Tosto l’imprenditore di 33 anni di Bibbiena che negli scorsi giorni, presso l’Anfiteatro di Arezzo ha ricevuto il prestigioso Premio Fedeltà al Lavoro categoria giovani imprenditori della Camera di Commercio Arezzo-Siena.

La storia professionale e umana di Francesco inizia quando lui aveva appena 14 anni. Un adolescente che fa una scelta di campo abbastanza difficile, ovvero quella di seguire il padre nell’attività artigianale. Francesco commenta: “A quell’età certamente ho fatto qualcosa che poteva precludermi molto altro e segnare il mio futuro in senso negativo. Ma l’ho fatto perché ci credevo e perché avevo tanta passione. Passione e determinazione sono stati i motori di tutto. Oggi questo premio mi ripaga dei sacrifici fatti e mi esorta a fare meglio, non è certamente un punto di arrivo, ma una nuova partenza”.

A 18 anni Francesco prende le redini dell’attività paterna, oggi composta da quattro persone. Un’azienda artigiana che si occupa di rifiniture interne ed esterne e lavora con grande professionalità, passione ma anche con il pallino della bellezza e dell’innovazione.

Lo stesso Francesco ha aperto da poco uno showroom a Ceciliano in cui viene simulato l’interno di un’abitazione allo scopo di far vivere al cliente in modo immersivo la sua scelta per confermarla o perfezionarla nei particolari.

Il Sindaco Filippo Vagnoli commenta: “Il premio di Francesco è un premio per tutti i giovani del nostro territorio e anche per me, ne sono orgoglioso. La nostra realtà, infatti, viene spesso etichettata come un luogo difficile per i giovani. Io invece dico che siamo vocati anche per i giovani, ci sono spazi ed opportunità, basta coglierli. Abbiamo riscoperto un nuovo modo di vivere che prima non ci era bene presente. E questo mi porta a scorgere in questo nuovo inizio, una nuova stagione di ripresa e rinascita anche per tante altre attività giovanili. Credo che la passione messa nei propri percorsi di vita qualsiasi essi siano, porta dei frutti sempre comunque e soprattutto in ogni luogo. Se l’impegno c’è ci sono comunque grandi risultati”.

Francesco manda un messaggio ai più giovani: “Qualsiasi cosa decidiate di fare, fatela fino in fondo, fatela mettendoci tutto, fatela senza avere paura che è quella che quando si è giovani ci frega sempre. Questo può fare di un sogno una realtà. E soprattutto siate modesti, ma pensate sempre in grande”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento