Autobus fermi all'autostazione, alta adesione allo sciopero. Marzi: "Condizioni di lavoro molto peggiorate, non si trovano nuovi autisti"

Il sindacalista della Uil che lavora come autista per Autolinee Toscane fa il punto nel giorno dello sciopero generale

Il piazzale dell'autostazione questa mattina è pieno di autobus di linea fermi. E' così che si misura l'alta percentuale di autisti che hanno aderito allo sciopero generale indetto dal Cgil e Uil per le 8 ore lavorative di oggi.

"Le condizioni di lavoro sono peggiorate nel tempo - spiega Alfonso Marzi che è diventato dipendente di Autolinee Toscane e da anni è anche un sindacalista della Uil - mancano nuovi autisti e non si trovano, sarebbero assunto con un contratto da mille euro per 39 ore settimanali. Si lavora sei giorni alla settimana, compreso i festivi, certo che è a loro appare più conveniente prendere il reddito di cittadinanza."

"Questa mattina lo sciopero sembra avere avuto una grande adesione, a parte gli ultimi assunti che sono meno sensibili alle proteste sindacali e sono al lavoro. Ora vedremo nel turno del pomeriggio come andrà" ha aggiunto Marzi. 

Nell'intervista di copertina i motivi della protesta.

alfonso-marzi-uil-trasporti-2

Video popolari

ArezzoNotizie è in caricamento