Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Pink Floyd secondo Andrea Scanzi: ad Arezzo è sold out per “Shine On”

Sabato 14 dicembre alle ore 21, va in scena al Teatro Petrarca il concerto spettacolo che celebra i 40 anni di “The Wall”

 

I Pink Floyd secondo Andrea Scanzi: ad Arezzo è sold out per “Shine On”, il concerto-spettacolo dedicato alla rock band britannica che va in scena al Teatro Petrarca il prossimo sabato 14 dicembre alle ore 21.

Scritto e interpretato dal grande pinkfloydyano Andrea Scanzi, da anni anche uomo di teatro (Giorgio Gaber, Fabrizio De André, Ivan Graziani) oltre che giornalista e scrittore, lo spettacolo si avvale delle irresistibili interpretazioni dei Floyd On The Wing, tribute band guidata dal vocalist Gianluca Di Febo. Un racconto ricco e appassionato, pieno di curiosità e trasporto. “Shine On”, regala versioni oltremodo ispirate di alcuni tra i grandi classici dei Pink Floyd. Time, Wish You Were Here, Comfortably Numb. E molte altre perle. Tre ore di aneddoti. Rivoluzioni. E musica di inaudita e sempiterna bellezza.

“Sono particolarmente contento che Arezzo possa ospitare di nuovo questo spettacolo che unisce musica e teatro - dichiara Alessandro Ghinelli, presidente della Fondazione Guido d’Arezzo e sindaco di Arezzo -. Ne sono contento perché mixare testi e note dei Pink Floyd con la splendida cornice del Petrarca, ci porterà in una dimensione inedita e stimolante. E poi perché sul palco, insieme ai Floyd On The Wing, salirà un nostro concittadino con il quale già in passato abbiamo trovato una linea comune per offrire qualcosa di significativo alla città: l’intitolazione di piazzetta Giorgio Gaber, proprio su proposta di Andrea Scanzi, ne è un perfetto esempio. Non devo essere io a ricordare come e quanto i Pink Floyd hanno cambiato in profondità la storia della musica. Però, anche da un punto di vista personale, mi piace sottolineare l’influenza positiva, dirompente che hanno avuto nella mia vita e in quella di tanti ragazzi della mia generazione. Anche per questo, sarà una serata che vivrò con grande partecipazione”.

scanzi-pink-floyd-3

“Sono felicissimo che la “mia” Arezzo avrà il suo Pink Floyd Day, con il quale festeggeremo i 40 anni di The Wall – sottolinea Andrea Scanzi -. A luglio, quando misi in scena una prima volta il mio spettacolo “Shine on” dedicato ai Pink Floyd, i biglietti andarono esauriti in dieci minuti e l’organizzazione del Passioni Festival dovette lasciare fuori a malincuore più di 600 persone. In quella occasione, io e la band Floyd On The Wing promettemmo dal palco una seconda data ad Arezzo per premiare chi in quella occasione non era potuto entrare all’Arena Eden. Siamo stati di parola, e ringrazio di questo il sindaco Alessandro Ghinelli, la Fondazione Guido d’Arezzo e l’amministrazione comunale, che sono stati di parola anche per l’inaugurazione della piazzetta intitolata a Giorgio Gaber. Anche in questo caso c’è stato subito un sold out. I biglietti sono andati esauriti in neanche una settimana. Avremmo potuto fare una ulteriore replica, e non escludo di farla nel 2020. Do la mia disponibilità e quella della band. Ho voluto fortemente - e il sindaco lo sa bene - che il luogo fosse il Petrarca, uno dei teatri più belli d’Italia, dove già mi sono esibito per il Gaber Day. È un luogo magico e non può esserci contesto migliore per una serata simile. Per questa data, come per il Gaber Day, rinuncerò a qualsiasi compenso: sono regali che mi piace fare alla mia città. Prometto e promettiamo tre ore di spettacolo, cuore e passione. Vi aspettiamo!”

scanzi-pink-floyd-barbetti

“Un nuovo sold out per La Fondazione Guido d’Arezzo che, immenso piacere, ha deciso di mettere a disposizione di Andrea Scanzi e del suo racconto appassionato dei Pink Floyd, il prestigioso palcoscenico del Teatro Petrarca - commenta Roberto Barbetti direttore della Fondazione Guido d’Arezzo –. Attraverso una lettura avvincente dell’opera di una delle band più importanti della storia del rock, la musica è ancora una volta protagonista assoluta.  Arezzo continua così il percorso di valorizzazione di questo linguaggio come tratto distintivo della città”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento