rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024

VIDEO | Partito il Mercato Internazionale: 300 banchi per fare il giro del mondo

In piazza San Jacopo i prodotti dell’agricoltura a chilometro zero. Sabato 7 alle ore 21 in piazza Sant’Agostino il concerto degli Umagroso

Sapori e colori in (quasi) tutte le lingue del mondo. Si è aperta oggi (venerdì 6 ottobre 2023) ad Arezzo la 17° edizione del Mercato internazionale dei prodotti tipici, la kermesse di tre giorni che fino a domenica 8 ottobre offre l’opportunità di fare il giro del mondo esplorando, di stand in stand, nuove specialità alimentari e artigianali e, insieme, imparando dalle tradizioni di diversi Paesi e altre regioni italiane.

Quest’anno il taglio del nastro, baciato da un caldissimo sole quasi estivo, si è svolto nell’area Eden, da sempre cuore del Mercatissimo, di fronte allo stand brasiliano che ha offerto in degustazione le sue specialità di carne. Tra le autorità presenti il prefetto di Arezzo Maddalena De Luca, l’assessore alle attività produttive del Comune di Arezzo Simone Chierici, i consiglieri regionali Gabriele Veneri, Vincenzo Ceccarelli e Marco Casucci, il vicequestore vicario Angela Lauretta il comandante provinciale dei Carabinieri Claudio Rubertà, Laura Ricci in rappresentanza della Polizia Locale e la presidente di Atam Arezzo Carla Tavanti.

Mercato Internazionale 2023: il primo giorno

Ad accoglierli il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni insieme al vicepresidente della Confcommercio di Firenze-Arezzo Francesco Butali e al direttore aggiunto Catiuscia Fei. È proprio la Confcommercio a curare ormai da 17 anni la regia dell’evento, una “macchina” che richiede un grande sforzo organizzativo, sostenuta quest’anno dall’ente camerale, Atam, Comune di Arezzo e Fondazione Arezzo Intour. Presenti al taglio del nastro anche i vertici delle associazioni di categoria dell’agricoltura Coldiretti Arezzo e Cia – Agricoltori Italiani Arezzo, che nell’area di piazza San Jacopo hanno da sempre una vetrina d’eccezione sui prodotti autunnali a chilometro zero, mele e zucche in testa.

“Nelle prime edizioni, mutuando il titolo del romanzo di Jules Verne, dicevamo che il Mercato Internazionale permetteva di fare un giro del mondo in 80 stand – ha ricordato il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni - Adesso gli stand sono diventati più di 300 e questo dà la dimensione del successo di questa iniziativa, in cui abbiamo creduto fortemente e che ha inaugurato per la città un nuovo modo di interpretare i mercati. Non solo occasioni di commercio, ma anche di socialità e divertimento”.

Ottima l’affluenza di pubblico fin dalle prime ore della giornata, grazie all’effetto curiosità combinato con le temperature autunnali ancora miti. Grandi le aspettative degli operatori anche per le serate, quando tra i frequentatori degli stand sono attesi i più giovani.

I banchi resteranno aperti tutti i giorni dalle ore 9 alle 20. Tra le cose da non perdere, il concerto degli Umagroso sabato 7 ottobre alle ore 21 in piazza Sant’Agostino e, per i più piccoli, i laboratori di cucina creativa della “Banda dei piccoli chef”, attivi di pomeriggio dalle ore 15 alle 19 in via Margaritone, accanto a piazza Sant’Agostino. Per tutti, la possibilità di passare qualche momento piacevole passeggiando alla scoperta delle specialità provenienti da ben 35 Paesi del mondo, oltre che naturalmente dall’Italia. Dai profumi di lavanda della Provenza ai bulbi olandesi passando per l’abbigliamento peruviano, le porcellane inglesi, i biscotti bretoni, la cucina greca e giapponese e molto altro ancora, ad Arezzo rivive tutta la meraviglia di una vacanza sotto casa.

Video popolari

ArezzoNotizie è in caricamento