Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Hospice, i sindacati: "Trasferitelo temporaneamente al San Donato, poi una struttura al Pionta"

Le proposte di Cisl, Uil e Cgil per la struttura che accompagna i malati e le loro famiglie nel delicato momento del fine vita

 

"Sulla collocazione temporanea e futura dell’Hospice di Arezzo serve una decisione. E' necessario individuare una struttura provvisoria per far fronte a questa emergenza, ma anche trovarne una definitiva per il futuro". Con queste parole le confederazioni Cgil, Cisl e Uil della provincia di Arezzo hanno espresso la loro profonda preoccupazione per il servizio che accompagna malati e famiglie nei delicatissimi momenti del fine vita e, nel contempo, hanno rilanciato l’importanza dei servizi sanitari territoriali messi sotto dura pressione in questo periodo. Le organizzazioni sindacali lanciano oggi una proposta.

"L'Hospice, purtroppo, è stato di fatto smantellato a causa dell'emergenza Covid per far posto al reparto di oncologia, facendo fronte alla carenza creata con soluzioni tampone non adeguate alle esigenze dei tanti che ne hanno bisogno. Ricordiamo che circa 250 pazienti hanno usufruito dei servizi nel breve periodo di funzionamento dal gennaio 2018, con giudizi ottimi.
Siamo convinti che occorra rapidamente cercare un’adeguata collocazione, seppur provvisoria, senza attendere oltre. Il tempo passa e altre famiglie sono lasciate a barcamenarsi con la sofferenza che non trova la giusta risposta dei tanti professionisti che si erano formati "per e dentro" l'Hospice (7 infermieri, 6 OSS e un medico, per non parlare dei volontari AVAD e Calcit).

Insieme ad alcune associazioni di volontariato e a cittadini che si sono rivolti ai sindacati sono partiti i lavori per "per fare proposte e trovare soluzioni nel comune interesse civico". 

"Siamo convinti che con un’emergenza ancora in corso, ma probabilmente “stabilizzata”, potrebbe essere reperita una collocazione separata dentro il San Donato  (come già succede presso il presidio della Gruccia) - dicono Silvia Russo di Cisl, Maddalena Senesi della Cgil e Cerale Farinelli della Uil  - senza sacrificare nessuno, ottimizzando alcuni spazi temporaneamente, per garantire dignità, assistenza e cura in una parte della vita faticosa e dolorosa che non si colloca solo al tramonto ed ha necessità di precisa assistenza familiare e terapeutica.
Tutto questo in attesa di un intervento definitivo che riteniamo possa mettere insieme molte esigenze del nostro territorio: investire risorse per un progetto di riqualificazione della zona del Pionta, tra università ed ospedale, riutilizzando luoghi degradati dal tempo e dall'incuria, già di proprietà pubblica, non solo per l'Hospice, ma per tutta una serie di servizi territoriali che sono collocati in locali non idonei (a volte diremmo addirittura poco dignitosi) o comunque dispersi in luoghi lontani e diversificati, in una nuova zona di servizi alla salute".

E le risorse? In primo piano ci sono i soldi che potrebbero arrivare dal Recovery Plan che permetterebbero, secondo le organizzazioni sindacali, di  finanziare rapidamente un bel progetto per il riordino edilizio dei servizi sanitari territoriali aretini.

Ci crediamo seriamente e ci proponiamo come stimolo per gli stakeholders pubblici tutti e per i privati interessati, invitando fin da subito il direttore generale della USL Sud Est, D'Urso, il sindaco di Arezzo, Ghinelli ed il presidente della regione Toscana, Giani ad una riflessione condivisa nell'interesse di Arezzo e di tutti i cittadini della provincia che gravitano per necessità nel comune capoluogo.
L’idea di costruire un progetto da finanziarsi con le risorse in arrivo dall’Europa per il Recovery Plan in Toscana costituirebbe inoltre una buona prassi da replicarsi nel territorio provinciale e regionale per il rafforzamento dei servizi della sanità territoriale.
Dignità, Cura, Rispetto, Prossimità coniugati ai servizi pubblici e alla riqualificazione urbana: non solo sogni.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento