VIDEO | Prove di Saracino, fioccano i 5. Gamurrini: "Alla Giostra serve una politica più presente"

Tutti i quartieri su buoni livelli nella seconda serata. L'ex vicesindaco: "Giusto riportare la premiazione in tribuna A, il terrazzino era una forzatura. No alla militarizzazione della piazza. Candidarmi alle elezioni? Ci sto pensando, in città c'è malcontento"

Seconda serata di prove in piazza Grande, con i 5 che fioccano come ieri. Nessuno si stupisce, considerando il livello dei contendenti e la preparazione spalmata su dodici mesi all'anno. Poi è vero che un conto sono queste notti qua, con i tavolini dell'aperitivo ancora dislocati lungo la lizza, e un conto è la Giostra con le sue fibrillazioni imprevedibili. Settembre 2023 insegna: i favoriti al palo e l'outsider Colcitrone in trionfo.

Stavolta ad aprire la piazza sono stati prorio i rossoverdi, con Gabriele Innocenti e Lorenzo Vanneschi in cerca della migliore affinità di coppia possibile (unico tandem diverso rispetto a un anno fa). In scioltezza Elia Cicerchia e Gianmaria Scortecci per la Colombina, su di giri Tommaso Marmorini e Saverio Montini, considerati tra i più in forma del lotto. A Sant'Andrea coltivano grandi aspettative e a San Lorentino non sono da meno, con Davide Parsi e Francesco Rossi in assetto da battaglia, applauditissimi dai quartieristi giallocremisi.

scortecci prove 17 giugno 2024

Gremita la tribuna A e non è un segnale da sottovalutare. In città si respira l'aria buona del Saracino, che spinge tanta gente a fare la fila per comprare i biglietti e anche a sedersi sui seggiolini davanti alla Fraternita per godersi il rodaggio dei giostratori. Un dettaglio che non è passato inosservato agli occhi degli spettatori comuni, figurarsi a quelli di Gianfrancesco Gamurrini, ex vicesindaco ed ex assessore con delega alla Giostra, presente sotto le Logge: "Riguardo le prove, mi piacciono più corte, così come deciso dall'anno scorso. Io comunque le ridurrei ancora di più, sia come durata che come giorni dedicati. Capisco le esigenze dei quartieri ma per il pubblico restano ancora un po' noiose, salvo qualche eccezione. Sono contento che la cerimonia di consegna della lancia d'oro sia tornata nei pressi della tribuna A, come da tradizione. La scelta di traslocare sul terrazzino di un privato era stata una forzatura, anche se motivata da ragioni di ordine pubblico. Bisogna restare in mezzo al popolo è corretto, nonostante sia difficile controllare l'euforia. L'appello a figuranti e quartieristi a non invadere la lizza? Non è una missione impossibile, ma è comunque difficile. Non vorrei che venisse militarizzata la piazza, serve una soglia di tolleranza più alta. E' chiaro che di fronte a episodi gravi le forze dell'ordine debbano intervenire. Ma senza esagerare".

colcitrone prove 17 giugno 2024

Gamurrini, durante la sua esperienza politica, fu anche il promotore della riforma dell'Istituzione, con la nascita del Consiglio di Giostra e della Consulta. Un'architettura nuova che oggi suscita qualche polemica: "Rifarei quello che ho fatto ma è vero che la riforma era calzata su di me. Io ero molto presente, molto attivo e i rettori dell'epoca mi misero in guardia: mi fecero notare che se un domani al mio posto ci fosse stato qualcuno meno attivo, sarebbero sorti problemi. E in effetti così è stato. Diciamo che servirebbe un po' d'impegno in più da parte degli amministratori. Il vulnus sta nel fatto che il sindaco abbia tenuto per sé la delega alla Giostra: lui non è molto presente e il Saracino non è mai stato il suo focus. Servirebbe una persona più dentro questo mondo".

Infine una battuta sul futuro: "La politica? Ho sempre avuto dentro di me lo stimolo per impegnarmi a vantaggio della città. E quando ne ho avuto modo, credo di aver fatto benino, tant'è che ancora oggi mi vengono riconosciuti dei meriti e questo mi fa molto piacere. Non nego che sto pensando a un mio rientro. Alle amministrative mancano due anni, in politica sono un'era geologica. In città c'è malcontento e io non escludo niente".

Giostra del Saracino, prove del 17 giugno 2024

Video popolari

ArezzoNotizie è in caricamento