Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Due liste a sostegno di Marco Donati: c'è anche Gianni Cantaloni

Anche lui presente alla conferenza stampa di lancio delle due liste che sostengono la candidatura a sindaco di Marco Donati

 

Due liste con qualche nome a sorpresa. Giovani che mai si sono occupati di politica, ma anche qualche esperto. Come Gianni Cantaloni, aretino da sempre impegnato in Porta del Foro, ex consigliere comunale di Forza Italia e in passato assessore della giunta Lucherini.

Anche lui presente alla conferenza stampa di lancio delle due liste che sostengono la candidatura a sindaco di Marco Donati. Oltre a Scelgo Arezzo, i cui candidati sono stati resi noti nei giorni scorsi, ci sarà anche Con Arezzo - Innovazione, sostenibilità, territorio.

"Due liste civiche formate da professionisti di livello, impegnati nel mondo dell’associazionismo e determinati a mettere le proprie competenze a disposizione della città" fanno sapere dalla compagine elettorale.

Alcuni candidati si sono presentati questa mattina. Tra le fila di Scelgo Arezzo ci sono tra gli altri Paola Pompei, psicoterapeuta, Giacomo Trojanis, professore di economia, Gabriele Pini, geologo, Patrice De Micco, professoressa di macroeconomia e appunto Gianni Cantaloni, con alle spalle una grande esperienza amministrativa soprattutto nell’ambito dei bandi europei. 

“La nostra città ha bisogno della freschezza e delle competenze delle persone che stanno animando questo progetto – spiega il candidato Marco Donati.- Nelle ultime settimane abbiamo parlato molto di innovazione, perché attraverso l’innovazione, la condivisione di nuove idee e la formazione dei giovani abbiamo intenzione di ripensare Arezzo. La nostra è una visione che passa dalla difesa della nostra sanità pubblica che deve ritrovare una sua centralità nella area sud-est della Toscana, da un impiego consapevole delle partecipate che devono mantenere standard elevati in termini di competenza ed opportunità, dalla creazione di un polo aretino della formazione collegato con il mondo dell’istruzione e con il tessuto aziendale del territorio, dalla realizzazione di spazi dedicati all’infanzia e dalla riconessione delle frazioni alla città. Tutto questo troverà il suo fondamento nell’ascolto dei cittadini che devono tornare al centro della vita pubblica: ci troverete infatti in mezzo alla gente per ascoltare i loro bisogni e i suggerimenti che vorranno darci ”.

Oltre ai temi già trattati in questa prima fase di campagna elettorale, Marco Donati ha posto anche l’accento sul tema dell’ambiente e del dissesto idrogeologico: “La situazione idrogeologica del nostro territorio non deve essere ignorata, anzi occorre tenere conto della conformazione di alcune aree della città intervenendo affinché emergenze come quelle della scorsa estate possano essere gestite nel migliore dei modi. Intendiamo inoltre impegnarci, attraverso gli strumenti della mobilità sostenibile, per migliorare il tasso d’inquinamento del centro città che oggi vede Arezzo la quarta città toscana per l’incidenza delle polveri sottili.”

 A prendere la parola anche due rappresentanti delle liste Scelgo Arezzo e Con Arezzo: l’architetto urbanista Silvia Casi e l’innovation manager Alessandro Meucci.

“Sono fiera di far parte di questo gruppo – dichiara Silvia Casi.- Arezzo ha tutte le carte in regole per essere una città attrattiva e a misura di cittadino. Ha già la struttura di una città-campagna, ma deve uscire dalla dicotomia che contrappone il centro alle periferie. Tutte le frazioni devono trovare la propria centralità e ad ogni punto della città deve essere restituita la propria dignità.”

“Ringrazio Marco Donati per avermi dato l’opportunità di mettermi in gioco – dichiara Alessandro Meucci, - e rivolgo un appello ai cittadini che fino ad ora hanno visto la politica lontana da loro. Il nostro progetto è quello di una lista aperta che sta scrivendo un programma innovativo dove sarà ben accetta ogni idea proveniente dai nostri concittadini. Amiamo la nostra città e siamo pronti a mettere le nostre esperienze al servizio di essa perché crediamo che il futuro di Arezzo debba essere ancora migliore di quello che è stato il nostro passato”. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento