rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022

Cutolo non molla: "Adesso siamo squadra. Il mio futuro? A fine stagione decido"

Il capitano dell'Arezzo: "Sono sicuro che chiuderemo in crescendo. La società? E' solida. E io devo capire se lasciare il calcio o continuare"

Tra due mesi compirà 39 anni. Nello Cutolo, capitano dell'Arezzo, è diviso tra presente e futuro, tra la voglia di chiudere bene la stagione e la necessità di programmare il domani, perché la carta d'identità è quella e non si può cambiare. In amaranto dal 2017, Cutolo quest'anno è partito titolare poche volte, ha segnato un solo gol (su rigore) ma si è rotagliato un ruolo importante dentro lo spogliatoio, testimoniato dalle parole spese stamani in sala stampa.

Il 10 non ha usato mezzi termini per commentare il pareggio di domenica con il Gavorrano ("gli episodi arbitrali sono stati contrari, in campionato è successo spesso purtroppo") né per biasimare il comportamento di Tiganj, che ha esultato in modo provocatorio davanti alla sud.

"Comunque non molliamo - ha aggiunto Cutolo. C'è la possibilità di vincere i play-off e magari di ottenere il ripescaggio: daremo tutto, adesso siamo più squadra di prima, il treno per il primo posto l'abbiamo perso per colpa di qualche cambiamento affrettato. La società? Da quando sono qua, è la prima volta che ci sentiamo veramente tranquilli. Gli errori sono stati sulle scelte tecniche, non di gestione".

E poi il futuro personale che tiene banco: "Sono 21 anni che gioco, smettere non è facile. Penso anche che nel 2023 arriverei a 40 anni, ci sarebbe il centenario dell'Arezzo, toccherei le 150 presenze in amaranto. A fine stagione rifletterò bene e prenderò una decisione".

Video popolari

Cutolo non molla: "Adesso siamo squadra. Il mio futuro? A fine stagione decido"

ArezzoNotizie è in caricamento