Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Conte ad Arezzo, le strette di mano con le istituzioni aretine e il suo discorso ai sindaci d'Italia

Soddisfatto il sindaco Ghinelli per l'incontro con le massime autorità dello Stato

 

Soddisfazione ad Arezzo per l'arrivo in città delle massime cariche dello Stato, il presidente della Repubblica ieri, il premier Conte e molti ministri oggi. 

Ad accoglierli le istituzioni aretine rappresentate dal Prefetto Anna Palombi, dalla presidente della Provincia Silvia Chiassai e dal sindaco Alessandro Ghinelli che ha tracciato un suo primo bilancio:

"All’Assemblea di Anci, i cambiamenti climatici, i mutamenti demografici, l’innovazione tecnologica e sociale sono stati i temi al centro della tavola rotonda cui ho partecipato e dalla quale è emersa forte e condivisa la necessità di agire subito e concretamente per la salvaguardia dell’ambiente." A seguire, la visita del Presidente del Consiglio Conte, che ha ricordato come proprio la nostra città richiami a tutti l’Italia dei Comuni, “modello che si è conservato vivo come la più autentica forma di governo”. Ministri e Sindaci d’Italia anche oggi hanno fatto di Arezzo la capitale amministrativa del Paese

Indelebili anche i momenti in cui, ieri, il rpimo cittadino ha accolto Sergio Mattarella:

E' stata un'emozione forte accogliere il presidente della Repubblica e centinaia di colleghi sindaci qui ad Arezzo. E con il mio intervento ho espresso l'auspicio che da questa assemblea di Anci emerga forte l’orgoglio dei sindaci d’Italia, che invitino la politica tutta ad imparare da ognuno di loro, da ognuno di noi, quel senso di responsabilità e umiltà, di presenza e di coraggio, di concretezza delle cose fatte, di coscienza di chi sa di dover rispondere non ad una astratta collettività ma ad una concreta comunità fatta di singole persone. Nessuno meglio di noi, come ebbe a scrivere Amintore Fanfani, figlio di questa terra, sa che “non si è sindaci soltanto nei giorni belli” e che lo spirito, la forza, la pazienza, la determinazione a fare, e soprattutto la tenuta di un progetto di comunità, non verrà mai meno. E’ questo il senso dell’essere sindaco, che credo tutti noi, che abbiamo il grande onore e privilegio di portare la fascia tricolore, vorremmo diventasse il modo di fare politica. Ovunque. Ascoltando, decidendo, migliorando.

Nel video di copertina l'arrivo di Conte e alcuni stralci del suo intervento.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento