Giovedì, 18 Luglio 2024

VIDEO | Branchi senza paura: "Il segreto di Colcitrone è... Colcitrone. Pronti per la sfida"

Il capitano rossoverde dopo la seconda giornata di prove: "Siamo l'unico quartiere con una coppia nuova ma questa non può essere una scusa. Da noi c'è un'atmosfera diversa, è la nostra forza"

Campione in carica, di nuovo in testa all'albo d'oro insieme a Santo Spirito, Colcitrone ha vissuto un inverno di rassicurante serenità. Nemmeno l'addio di Niccolò Paffetti sembra aver scosso il quartiere, che ha ricomposto la coppia di giostratori affiancando Gabriele Innocenti (ex Porta del Foro) a Lorenzo Vanneschi. Adesso c'è solo da misurarsi con la piazza e capire se i rossoverdi possono veramente tornare a dettare legge com'è stato per lungo tempo nella storia della manifestazione.

"I primi due giorni di prove sono andati molto bene - ha detto il capitano Alberto Branchi. Sappiamo che c'è sempre da migliorare, dobbiamo essere bravi a salire un gradino dietro l'altro. Il fatto di aver vinto a settembre del 2023 non cambia nulla: le responsabilità e le pressioni in Colcitrone sono altre e ben più alte, non c'è nessuna preoccupazione".

Giostra del Saracino, prove del 17 giugno 2024

Il discorso scivola su Adalberto Rauco e Niccolò Paffetti, entrambi vittoriosi nel recente passato e poi fuori da palazzo Alberti: "Ognuno fa le proprie scelte. Noi dirigenti dobbiamo sempre tenere al primo posto il bene del quartiere e in quel momento abbiamo preso le decisioni più giuste. Quindi grazie a chi c'è stato ma nessun rimpianto. Ora sosteniamo Vanneschi e Innocenti e da entrambi mi aspetto una bella prova. E' vero che l'unica coppia nuova è la nostra ma questo non deve rappresentare una scusa. Il livello della giostra è alto, per vincere serve un tandem al top. Sabato affronteremo binomi più collaudati e con il favore del pronostico ma io e tutto il quartiere non ci sentiamo esclusi dalla vittoria, settembre 2023 credo che abbia insegnato qualcosa a tutti. Colcitrone poi ha qualcosa in più degli altri e cioè... Colcitrone. Da noi c'è un'atmosfera diversa, lo dicono i giostratori che hanno vissuto la nostra realtà e quella di alcuni rivali".

Infine una battuta sul ritorno della premiazione davanti alla tribuna A: "Quello dell'ordine pubblico in certi momenti della Giostra è un tema difficile. Noi per esempio quando vinciamo non siamo un esempio di calma e compostezza. Diciamo che serve intelligenza da tutte le parti, serve una gestione elastica della piazza e fidarsi della comunicazione che c'è dentro i quartieri. Magari qualcuno è più abituato a vincere e fa meno confusione, qualcun'altro invece potrebbe creare più bordello. Ma io penso soltanto a noi".

Video popolari

ArezzoNotizie è in caricamento