Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rivoluzione in oncologia: al San Donato il sequenziatore del dna. Controlli con l'analisi del sangue

Cure ancora più mirate per le singole persone e per i tumori, che grazie a questo strumento sono mappati nei singoli geni. La cura arriva così alla massima personalizzazione

 

Uno strumento fondamentale e rivoluzionario nella diagnosi e cura del paziente oncologico, che va a rafforzare e completare le attività del Laboratorio di Analisi dell’ospedale di Arezzo dove è stato installato il Sequenziatore del DNA, donato dal Calcit con un investimento di 150 mila euro. Un sistema che rende l'ospedale San Donato all'avanguardia rispetto al resto della Toscana.

Il Sequenziatore serve a esplorare più in profondità l’assetto molecolare della malattia, migliorando la diagnosi e personalizzando la terapia del paziente in base alle sue caratteristiche (cosiddetta Medicina di precisione). Ad oggi, infatti, con le tecniche tradizionali si vede solo una parte di un gene. Con questo strumento potranno essere visti e studiati decine di geni diversi. 

Cosa cambierà per i pazienti e per i loro medici di riferimento? 

Sicuramento ci sono a disposiione nuove analisi possibili. Grazie a questo strumento innovativo, sarà possibile effettuare in laboratorio la biopsia liquida e diagnosticare le malattie tumorali. La biopsia liquida consente, con un semplice prelievo del sangue, di rilevare la presenza di cellule tumorali nel paziente. Fino ad oggi, la diagnosi era affidata ad esami radiologici ma sono più invasivi e, proprio per questo, non possono essere ripetuti con una certa frequenza allo scopo di monitorare la malattia. Con la biopsia liquida, invece, sarà possibile un controllo frequente. Si tratta di una opportunità veramente innovativa. La formazione del personale all’uso di questo importante strumento e alle nuove tecniche è affidata ad Alessandro Pancrazzi, biologo referente per la Biologia Molecolare del San Donato. 

“La nostra donazione va a completare la strumentazione ed i locali predisposti dalla Asl sud est e che permetterà di avere un laboratorio all'avanguardia in Biologia Molecolare – ha commentato Sassoli - Il Sequenziatore ha un costo complessivo di circa 150.000 euro  (comprensivo di Iva 22% ed interessi leasing). Il Laboratorio di Biologia Molecolare del nostro ospedale  consentirà così  di poter scegliere i trattamenti più appropriati e garantire ai pazienti terapie personalizzate, mirate ad una crescente qualità delle cure”.

“Questa donazione permette al Laboratorio di Patologia Clinica e Molecolare dell’ospedale di Arezzo di dotarsi della migliore strumentazione nella battaglia al cancro – ha dichiarato Agostino Ognibene direttore del Laboratorio - La potenzialità e gli sviluppi clinici sono enormi e permetteranno la personalizzazione della terapia tarata su ogni singolo paziente e la possibilità di monitorare il tumore ottimizzando la strategia terapeutica. Lo studio del frammento tumorale con la biologia molecolare, grazie all’utilizzo di questa strumentazione, permette di fornire al tumore e alle cellule malate una “Carta D’Identità”, che sarà poi riconoscibile e “con un semplice prelievo di sangue”, potremo verificare se e quante cellule tumorali sono ancora presenti in circolo nell’organismo. Il Laboratorio di Arezzo è nelle condizioni di fornire un servizio di eccellenza, e nel contempo, di collaborare attivamente nella ricerca scientifica”. 

“E’ grazie alla collaborazione di tutta la comunità, anche attraverso l’associazionismo ed il Calcit, che cresce l’ospedale San Donato. Questa città ambisce e pretende le migliori cure e se ne fa carico insieme all’Azienda, con grande passione e con risultati che sono sotto gli occhi di tutti” ha concluso D’Urso.

L’attività del nuovo strumento prenderà il via a febbraio e le indagini saranno attivate con i tempi adeguati a garantire, secondo un iter di standardizzazione, la migliore qualità dei risultati. Le attivazioni saranno concordate con le diverse equipe (oncologi, anatomo-patologi, radioterapisti, farmacologi etc.) sulla base di tutti gli elementi che guideranno la personalizzazione della terapia.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento