Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Legno, oro e pittura. Tre mostre per raccontare "Le mani che lavorano" in Fraternita

L'appuntamento è per il weekend, da venerdì 18 a domenica 20 settembre, all'interno delle sale del palazzo della Fraternita dei Laici di piazza Grande

 

Le mani che lavorano. Le mani che forgiano, creano, scolpiscono e danno vita a capolavori unici e preziosi. È con questo intento che la Fraternita dei Laici ha scelto di ospitare degli eventi volti a mettere letteralemente in mostra il genio e la creatività aretina. Tre mostre, tre esposizioni eccezionali che arricchiscono il già enorme patrimonio di quell'istituzione nata ad Arezzo oltre 700 anni fa.

Venerdì 18 e sabato 19 settembre, dalle ore 20.30 alle ore 23.30, con ingresso libero nel Palazzo. I visitatori saranno accolti e guidati alla scoperta di "Di legno e di Genio sculture lignee dei monumenti storici della città", a cura di Antonio Domini. "La città di Arezzo simboli e icone" è invece l'allestimento che vede protagonisti gli studenti dell’istituto Margaritone che hanno disegnato e realizzato la riproduzione dei simboli e delle icone più rappresentative di Arezzo su oro e materiale prezioso con il sostegno di Swaroski e dell’azienda Sem.Ar. "Realismo e silenzi" è la mostra dove la pittura esprime emozioni, sentimenti, poesia, tradotte in immagini dalle mani artistiche di Antonella Di Tommaso. Al piano terra sarà possibile vedere anche i disegni realizzati dai bambini durante il periodo del lokdown.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento