Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mobbing e stress da lavoro, oltre 200 casi in 6 anni. Mugnai: "Ora il servizio di 'Psicoterapia per tutti'"

Burnout, mobbing percepito, conflitti, problematiche relazionali. Il mondo del lavoro, in tempo di crisi, si fa ancora più complesso e per alcuni lavoratori rischia di diventare un vero e proprio inferno

 

Burnout, mobbing percepito, conflitti, problematiche relazionali. Il mondo del lavoro, in tempo di crisi, si fa ancora più complesso e per alcuni lavoratori rischia di diventare un vero e proprio inferno. Proprio per questo un nuovo servizio di psicoterapia è stato pensato dalla Cgil per gli iscritti e per i loro familiari. Si chiama "Psicoterapia un diritto per tutti" e avrà costi che tengono conto dell'Isee. 

"La vita delle persone non è fatta solo di lavoro e diritti "tradizionali" - commenta Alessandro Mugnai,  segretario provinciale della Cgil. Molti lavoratori hanno situazioni personali e familiari che hanno bisogno di un sostegno professionale, in questo caso dello psicoterapeuta. Non è certamente un bisogno nuovo ma la crisi economica e sociale, le incertezze sul fattura, le difficoltà a garantire una prospettiva ai figli rischia di rendere tutto più difficile".

Già dal 2012 esiste un servizio di sostegno psicologico. In 206 persone si sono rivolte a questi sportelli. Nel 70 per cento dei casi si è trattato di donne. Le problematiche più diffuse erano quelle di tipo relazionale: la difficoltà di comunicazione con i colleghi e con i datori di lavoro in primis. Poi le situazioni di mobbing che le psicoterapeute hanno definito "percepito", perché a volte messo in atto in modo così sottile da rendere difficile da dimostrare. E poi i casi di burnout: l'esaurimento emotivo che deriva da uno stress lavorativo importante. 

Le persone che hanno usufruito di questo servizio, svolto in collaborazione con  l’Associazione InCostruzione Onlus, sono riuscite ad affrontare e superare problemi e difficoltà relativi al contesto lavorativo. 

"Sono casi in cui le persone sono tornate ad affrontare con maggiore serenità l'ambiente lavorativo - spiega Mugnai - casi in cui si è evitato di arrivare a vertenze o addirittura alla conclusione del rapporto". 

"L’obiettivo fino ad oggi è stato quello di offrire gli strumenti per poter gestire al meglio queste difficoltà - piega la psicologa psicoterapeuta Benedetta Ricci che opera con le colleghe Sara Bonchi ed Eleonora Gori - e di rappresentare un “contenitore” dentro al quale il lavoratore potesse riflettere e analizzare le proprie risorse per fare fronte al proprio disagio".

Un servizio che ha funzionato ma che ha anche rivelato un limite: "circoscrivere l’accesso per le solo problematiche lavorative che però non sono dissociabili dalla realtà globale della persona - sottolinea Benedetta Ricci. Difficoltà lavorative generano ripercussione anche nelle aree private e malesseri nella vita privata possono avere ricadute negative anche negli ambienti lavorativi".

E' naco così il nuovo servizio "Psicoterapia un diritto per tutti", rivolto a tutti gli iscritti e alle loro famiglie, dove la motivazione per cui si decide di accedere non ha più restrizioni. "Per mezzo di una convenzione stipulata tra CGIL Arezzo e Professionisti iscritti all’Ordine degli Psicologi della Toscana, si vuole mettere a disposizione di tutti la possibilità di intraprendere un percorso di psicoterapia. Per accedere al percorso è necessario prenotare un appuntamento al numero 3923279643. I costi sono ovviamente contenuti e sono in rapporto all'Isee. 

"Questo - conclude Alessandro Mugnai - per garantire, da un lato, il principio di equità (minore sarà l’Isee, minore sarà il costo, fino ad arrivare a zero euro) dall’altro un servizio efficiente e professionale che superi il problema della concorrenza sleale". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento