Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Vita da lupi: cuccioli a spasso e adulti a caccia. Le immagini rubate nel Parco

Da tempo il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi si occupa di monitorare e tutelare questo animale così temibile e affascinante

 

E' con un divertente video clip che il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi racconta l'universo legato al lupo. Una mini lezione dedicata non solo agli adulti ma anche ai piccoli dove viene spiegato qualcosa di più per non cedere ai lughi comuni.

10 ed altre cose da sapere sul lupo

Stando agli ultimi censimenti il lupo è ormai presente in numero costante da alcuni decenni.

Alcuni importanti progetti come il Life Wolfnet, conclusosi nel 2013, e il progetto Wolfnet. 2.0, tutt'ora in corso, attivato in partenariato con i parchi nazionali della Majella, del Pollino, del Gran Sasso, dei Sibillini, dell’Abruzzo e dell’Appennino tosco emiliano, hanno permesso e permetteranno di monitorare attentamente questa specie.

L'obiettivo principale di questi progetti è infatti lo sviluppo di un’attività di ricerca che renda possibile l’attuazione concreta, condivisa e su vasta scala, di un sistema di monitoraggio-conservazione-gestione in grado di assicurare sul lungo termine la conservazione del lupo in Appennino e il contenimento degli eventuali conflitti che sul territorio possono generarsi.

I principali obiettivi del progetto sono: l’ implementazione del sistema di monitoraggio integrato della popolazione di lupo;- la riduzione dei rischi sanitari che possono influenzare negativamente la popolazione di lupo; la prevenzione della mortalità illegale; il miglioramento della conoscenza dell’impatto del lupo sul patrimonio zootecnico e lo sviluppo di soluzioni gestionali;- la promozione di una cultura della coesistenza e delle attività di corretta comunicazione.

In particolare il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi ha concentrato prevalentemente le sue attività sia nel potenziamento del monitoraggio, tramite videofototrappole in aree di particolare interesse gestionale, che sul mantenimento di un alto grado di capacità di contrasto alla mortalità illegale del lupo attraverso la preziosa attività investigativa svolta dai GOS, Gruppi Operativi Specialistici. Queste attività sono realizzate in collaborazione con il CTA del CFS.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento