Martedì, 22 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Luigi Lucherini: "Orgoglioso di Alessandro Ghinelli, lui è il mio delfino"

L'ex sindaco di Arezzo (1999-2006) è intervenuto sull'attuale primo cittadino auspicando una sua rielezione e "raccomandando cautela"

E’ con orgoglio quasi paterno che lo ha abbracciato davanti a tutti, il suo naturale successore, l’uomo che in “mezzo secondo” rispose sì alla richiesta di candidarsi al suo fianco per interpretare il ruolo di assessore. A distanza di ventuno anni da quel giorno ecco che Luigi Lucherini e Alessandro Ghinelli tornano a parlare di politica. L’occasione è la conferenza stampa di presentazione del progetto di riqualificazione dei sotterranei di Fraternita, lavoro per il quale l’ingegnere Lucherini ha prestato la propria opera creando uno studio di fattibilità. 

“E’ un grande orgoglio per me vedere il mio ex assessore nella veste di sindaco - spiega Lucherini - quando gli chiesi di partecipare alla mia candidatura ero certo che sarebbe stato lui a raccogliere la mia eredità. Era, ed è, il mio delfino”.

Un affetto sincero costruito durante gli anni di governo (1999-2006), quelli tra i banchi di opposizione (2011-2015) e che ha superato tempeste e scandali. “Lui era destinato comunque alla continuità con il mio lavoro - prosegue Lucherini - e avrebbe raccolto le redini già da subito se non ci fosse stato chi scelse di pugnalarmi alle spalle e rovinare tutto. Sono orgoglioso di vedere che, a distanza di tempo, abbia ripreso le fila e portato a compimento quanto cominciato insieme”.

Secondo alcuni esponenti del mondo politico locale ad accomunare i due ci sarebbe più di un’assonanza. Carriere avviate facendo fronte a contesti politici particolarmente movimentati e inchieste giudiziarie apertesi durante i loro mandati. Variantopoli per Lucherini e gli affari Coingas e Multiservizi per Ghinelli. Da precisare però che nel caso del sindaco attuale le indagini a suo carico non lo hanno portato ad alcun avviso di garanzia mentre Lucherini nel giugno 2008 venne condannato in primo grado a 2 anni per abuso d'ufficio con altre 10 persone, per lo più appartenenti a Forza Italia e Alleanza Nazionale.

“Ho sempre detto e ripetuto, sulla base di quanto vissuto in prima persona in passato - prosegue l’ex sindaco - di stare molto attenti e guardarsi sempre le spalle. Anche durante l’ultima campagna elettorale, quella del 2015, ho ribadito questo concetto. Ricordo che in consiglio comunale venne da me l’avversario di Alessandro, Matteo Bracciali, un ragazzo d’oro sempre molto educato e rispettoso nei miei confronti. Mi chiese cosa pensassi della sua candidatura ed io  gli dissi di guardarsi sempre le spalle. Un suo collega mi guardò in maniera torva chiedendomi a cosa alludessi”.

E' stato durante la conferenza indetta dalla Fraternita che sotto lo stesso tetto si sono ritrovati l’ex sindaco, Luigi Lucherini, l’ex assessore, Alessandro Ghinelli e l’ex consigliere comunale, Pier Luigi Rossi. “Sono certo che serva un secondo mandato per Ghinelli - ha concluso Lucherini - noi uomini di buona volontà che abbiamo a cuore la città abbiamo bisogno di tempo e spazio per portare a compimento i nostri progetti. Inoltre, il contesto storico, economico e burocratico è cambiato da quanto ero sindaco io. Sono felice di vedere come Alessandro abbia al suo fianco persone come Pier Luigi, un grande professionista e uomo dal grande spessore morale e dalle indiscusse qualità”.

Si parla di

Video popolari

Luigi Lucherini: "Orgoglioso di Alessandro Ghinelli, lui è il mio delfino"

ArezzoNotizie è in caricamento