Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

'Il Peccato - Il furore di Michelangelo'. Il film girato ad Arezzo arriva al cinema

La pellicola di Andrei Konchalovsky è stata prodotta anche in provincia e le riprese vennero eseguite nell'autunno del 2017

 

A distanza di due anni dalle riprese che portarono il regista russo Andrei Konchalovsky in piazza Grande e in giro per la provincia, ecco che le sale cinematografiche di tutta Italia potranno ammirare quel lavoro che porta con sé anche un pezzo di Arezzo.

'Il Peccato - Il furore di Michelangelo' è il nuovo che racconta Michelangelo Buonarroti come non si era mai visto. È una grande co-produzione russo-italiana che rivela l'artista inarrivabile ma soprattutto l'uomo, in perenne ricerca, in lotta con i potenti del tempo, con la propria famiglia e con se stesso.

Piazza Grande ancora una volta set cinematografico

Il film è prodotto da Andrei Konchalovsky Studios, Jean Vigo Italia e Rai Cinema e distribuito da 01 Distribution. Il film è stato realizzato grazie al contributo del Ministero della Cultura della Federazione Russa, della Fondazione per l'Arte, la Scienza e lo Sport e di Alisher Usmanov - produttore generale, insignito dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - e con la partecipazione di Pervyi Kanal (Primo Canale, Russia).

Regista di fama internazionale e due volte Leone d'Argento a Venezia, Konchalovsky mostra l'umanità più profonda dell'artista, attraverso i suoi dissidi, le sue debolezze e i suoi demoni interiori, rivelando un Michelangelo inedito, autentico, sorprendente, lontano dall'immagine iconica e patinata, con la quale è stato spesso ritratto dal cinema e dalla tv. Il film è stato girato nel 2017, in buona parte in Toscana, alle cave di marmo di Carrara e in altre location, tra cui Firenze, Bagno a Ripoli, Arezzo, Monte San Savino, Montepulciano, il castello Malaspina di Massa, il castello di Poppi e il castello di Fosdinovo.

La durata delle riprese è stata di 14 settimane.

Oggi in occasione dell'uscita del film, il regista ha ricevuto le Chiavi della Città di Firenze dalla vice sindaca, Cristina Giachi e stasera sarà presente al cinema Principe alle 20 per salutare il pubblico in sala. Questo film è anche un libro: è disponibile nelle librerie 'Il peccato di Michelangelo - dietro le quinte del film' di Andrei Konchalovsky sul genio del Rinascimento a cura di Giulia Martinez, edito da Edizioni Sabinae, che racconta il backstage del film illustrato dalle fotografie del maestro Sasha Gusov e dai bozzetti dello scenografo Maurizio Sabatini.

Un libro che descrive nel dettaglio l'affascinante viaggio, le sfumature, curiosità, stati d'animo, sudore e passione che regista, attori e troupe hanno vissuto per tutta la realizzazione. 'Il Peccato di Michelangelo' è una testimonianza di questa indimenticabile esperienza cinematografica.

In copertina: il video realizzato all'interno del set di Piazza Grande durante le riprese (ottobre 2017 Claudia Failli).

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento