Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Hanno spalancato l'azienda col piede di porco e distrutto l'allarme. Poi la razzìa d'argento"

La testimonianza della famiglia Corti, proprietaria della Delfino, ditta specializzata in accessori per moda e lusso, dopo il colpo subito

Ecco la videoricostruzione dell'accaduto nella notte tra lunedì 1 e martedì 2 luglio in via Ramelli ad Arezzo. A mezzanotte l'assalto alla Milani Cartongessi. Spettacolare quanto inutile: forzato l'ingresso, i banditi si sono impossessati di un muletto e hanno abbattuto il muro che separa l'azienda da quella adiacente, la Ekisson, specializzata in leghe metalliche. Molti danni, ma i banditi sono rimasti a bocca asciutta.

Tre banditi incapucciati, con piede di porco e flessibile

E così, intorno all'una, i malviventi hanno rivolto la propria attenzione alla Delfino di Maurizio Corti, che prodcue accessori in ottone e argento per marchi del lusso e della moda, che si trova qualche metro distante. "Li abbiamo visti nelle registrazioni dei vicini - racconta Massimiliano, il figlio - alti, incappucciati, vestiti di nero". Poi si sono messi al lavoro. "Hanno spalancato l'azienda col piede di porco e distrutto l'allarme. Poi hanno rubato l'argento contenuto in due casseforti". E' il primo furto che l'azienda subisce in oltre vent'anni di attività. Duro il colpo: il bottino è di circa 30mila euro in argento (quasi un quintale, più di quanto inizialmente ipotizzato). Senza contare i danni: altre decine di migliaia di euro.

(Ha collaborato Enrica Cherici)

Si parla di

Video popolari

"Hanno spalancato l'azienda col piede di porco e distrutto l'allarme. Poi la razzìa d'argento"

ArezzoNotizie è in caricamento