Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fraternità Bindi: "Ogni giorno accogliamo oltre 30 persone". Attiva raccolta fondi e reclutamento volontari

Una realtà particolarmente attiva nel territorio e che, come ogni anno, ha dato il proprio supporto alle attività di riapertura del dormitorio di piazza San Domenico.

 

"Di qua nei tre anni di apertura sono passate migliaia di persone".
Mariagrazia Sassi è la presidente e portavoce della Fraternità Federico Bindi, la onlus che si occupa della gestione del centro diurno di via Chiassaia dove ogni giorno trovano rifugio persone con difficoltà ed indigenze economiche.

Una realtà particolarmente attiva nel territorio e che, come ogni anno, ha dato il proprio supporto alle attività di riapertura del dormitorio di piazza San Domenico.

"Siamo aperti tutto l'anno fatta eccezione per due settimane a metà di agosto periodo dell'anno in cui abbiamo anche meno richieste e meno affluenza di persone - spiega Mariagrazia Sassi - Supportiamo il dormitorio soprattutto offrendo il servizio di docce. Ogni serata di apertura della struttura di San Domenico vengono da noi una decina di persone per fare la doccia. Un altro servizio importante che offriamo è quello della lavanderia per gli indumenti. Oramai siamo molto radicati nel territorio anche se siamo una piccola associazione. Abbiamo tanti volontari e molto motivati. Chi viene a trovarci è difficile che non torni o non si interessi per dare il proprio contributo".

Durante i mesi invernali, e soprattutto in concomitanza con l'apertura del dormitorio di San Domenico, le presenze all'interno del centro diurno della Fraternità aumentano.

"Riceviamo anche 35 persone ogni giorno - prosegue Mariagrazia Sassi - c'è chi viene per fare colazione e chi per richiedere altre tipologie di aiuto. Noi cerchiamo sempre di fare del nostro meglio per dimostrarci pronti ad accogliere le varie richieste di intervento". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento