Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dormitorio verso la riapertura. Caritas: "Molti non lo useranno più perché adesso hanno una casa"

Quest’anno il dormitorio di piazza San Domenico aprirà in anticipo: il 18 novembre

 

Sono in tutto cinquanta le persone accolte e registrate con regolare pass all'interno del dormitorio di piazza San Domenico.
E' a margine della presentazione di "Disincanto" rapporto diocesano sulle povertà che la Caritas diocesana stila un bilancio riguardante l'attività del centro che dal 4 dicembre 2018 al 7 aprile 2019 è rimasto aperto per 124 notti.

Dormitorio: apertura anticipata e una nuova dimora per 8 persone nei locali di Caritas

Questo luogo, come ampiamente noto, nel periodo invernale offre rifugio a persone senza fissa dimora che gravitano nel territorio comunale.
Negli ultimi anni il servizio si è spostato all'interno dei locali di proprietà del comune di Arezzo presso Palazzo Fossombroni ma, l'intera gestione, è rimasta affidata a Caritas.

Un servizio reso possibile grazie al lavoro dei 68 volontari che si sono alternati all'interno della struttura dalle 20 alle 8 del mattino. A questi si aggiungono i 25 che hanno provveduto alla pulizia dei locali.

Quest’anno il dormitorio di piazza San Domenico aprirà in anticipo: il 18 novembre.

Siamo pronti - spiega il vice direttore di Caritas Andrea Dalla Verde - ma quest'anno apriremo anche una dimora per 8 persone con difficoltà abitative che non frequenteranno più il dormitorio ma verranno inserite in un contesto diverso. Al loro fianco ci sarà un team di persone, professionisti e volontari, che li potranno aiutare a risolvere le loro situazioni in maniera definitiva. Stiamo progettando anche forme future di coabitazione con il supporto sia dell'amministrazione comunale che di altri soggetto. Il dormitorio, comunque, come servizio a bassa soglia, serve come misura emergenziale e come tale verrà mantenuto. La scorsa stagione, dopo lo stop primaverile ed estivo, molte situazioni sono state prese in carico da Caritas e tanti sono usciti dal circuito del dormitorio trovando una nuova strada.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento