Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus. Asl in prima linea: "Professionisti capaci di fronteggiare ogni tipo di emergenza"

Secondo quanto riportato dal commissario straordinario di governo per l'emergenza virus, Angelo Borrelli, sono 283 i contagiati in Italia

"Abbiamo una squadra di professionisti in grado di fronteggiare ogni genere di emergenza". La certezza è quella espressa dal direttore generale della Asl Toscana sud est, Antonio D'Urso, che in concomitanza con l'allestimento del pre triage di fronte al pronto soccorso, fa il punto sulle attività di prevenzione messe in campo all'indomani dello scoppio di casi di Coronavirus in Italia.

“Quello che abbiamo allestito oggi - spiega - è un luogo che risponde a delle esigenze di precauzione e prevenzione doverose. Qui prendiamo in carico tutti quelle persone che lamentano disturbi alle vie aeree prima che si presentino nella sala d’attesa del pronto soccorso. In questo modo scongiuriamo il contatto con pazienti che invece hanno bisogno di cure e controlli per altre problematiche. Il ruolo dei medici di famiglia, così come quello dei pediatri di libera scelta, è fondamentale perché sono proprio loro a ricevere i primi riscontri sulle patologie, decidere che cosa fare e come comportarsi”.

"Ad Arezzo eseguiti 12 tamponi: tutti negativi"

Ingressi controllati: "Accedere solo se indispensabile"

Tutto sotto controllo dunque, ma il propagarsi dei casi di Coronavirus in Toscana che impatto emotivo ha avuto sui professionisti della sanità? 

“Il sentimento di timore è connaturato all’animo umano - spiega D’Urso - detto questo, credo che siano state prese delle giuste misure di cautela. E poi ricordiamoci che abbiamo a disposizione dei professionisti in grado di gestire criticità molto complesse e ben più gravi”.

Primi contagi in Toscana: quattro i pazienti positivi

Il bilancio aggiornato ad oggi, martedì 25 febbraio, per quello che concerne il Coronavirus conta sette vittime e quattro nuovi contagi: una donna a Palermo, due casi in Toscana e il primo caso in Liguria (riferito dalla Regione). Secondo quanto riportato dal commissario straordinario di governo per l'emergenza virus, Angelo Borrelli, sono 283 i contagiati in Italia. Una cifra che comprende anche i sette decessi e il ricercatore guarito e dimesso dallo Spallanzani nei giorni scorsi. Sette anche, al momento, le regioni interessate dai casi di coronavirus, più la provincia autonoma di Trento e Bolzano. 212 sono i contagiati in Lombardia (comprese le 6 vittime), 38 quelli in Veneto (compresa una vittima), 23 in Emilia Romagna, 3 in Piemonte, 3 nel Lazio (la coppia di cinesi allo Spallanzani e il ricercatore guarito), 2 in Toscana, uno in Sicilia e uno in provincia di Bolzano. I ricoverati in ospedale con sintomi sono complessivamente 109, quelli in terapia intensiva 29 e quelli in isolamento domiciliare 137.

Vertice Ministero Salute-Oms-Ecdc-Ue

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, incontrerà domani il commissario UE alla salute, Stella Kyriakides, il Direttore Europa OMS/WHO, Hans Kluge e il Direttore ECDC, Andrea Ammon per fare il punto sul coronavirus. L'incontro si terrà a Roma alle 11.15, nella sede del Ministero della Salute.

Tutte le info sul Coronavirus

Si parla di

Video popolari

Coronavirus. Asl in prima linea: "Professionisti capaci di fronteggiare ogni tipo di emergenza"

ArezzoNotizie è in caricamento