Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prende forma la consulta comunale per la promozione delle pari opportunità

In pubblicazione da giovedì 23 gennaio l’avviso per consentire ai soggetti del territorio di prendervi parte

 

Istituita lo scorso 29 ottobre dal consiglio comunale su proposta dell’assessore Tiziana Nisini, sta prendendo forma la consulta comunale per la promozione delle pari opportunità.

La delibera ha infatti previsto che ne facciano parte l’assessore comunale alle pari opportunità, il presidente della commissione provinciale pari opportunità, attualmente Rossella Angiolini, il dirigente comunale competente, le donne elette in Consiglio Comunale, un rappresentante per ciascun gruppo consiliare presente in Consiglio Comunale, un rappresentante per ciascuno dei movimenti o associazioni locali che si candidano a partecipare all’organo consultivo a seguito di bando pubblico dal quale dovranno risultare specifiche conoscenze ed esperienze sulla tematica. E proprio in merito a quest’ultimo aspetto, giovedì 23 gennaio sarà pubblicato l’avviso.

“Invito i vari soggetti che operano nel territorio – ha dichiarato l’assessore Tiziana Nisini – a presentare domanda di partecipazione. Abbiamo bisogno di tutti per raggiungere l’obiettivo di reali pari opportunità: di coloro che hanno conoscenza della normativa, che hanno esperienze dirette sul campo, che svolgono azioni di sostegno a favore delle donne, che hanno esperienza di progettazione condivisa con le pubbliche amministrazioni, che promuovono la valorizzazione della differenza di genere, la rimozione degli ostacoli che poi si traducono in forme di discriminazione, il riequilibrio della rappresentanza uomo / donna nei luoghi decisionali, che già operano nel mondo del lavoro, in ambito sociale, sanitario, assistenziale, scolastico, politico, della comunicazione e della cultura. Saremmo lieti che fossero rappresentate tutte le fasce d’età”.

“Il nostro obiettivo – ha aggiunto Rossella Angiolini – è portare all’attenzione della collettività i temi che riguardano i problemi veri, quotidiani delle donne e di tutte le categorie deboli. L’attenzione su certi argomenti va tenuta alta sempre, non soltanto sporadicamente. In base a questo, la commissione provinciale e la consulta comunale non devono servire per fare politica ma come strumento per raggiungere un interesse collettivo”.

La domanda dovrà pervenire all’assessore per le pari opportunità entro giovedì 20 febbraio, consegnandola allo Sportello Unico (lunedì, mercoledì, venerdì dalle 8,30 alle 13, martedì e giovedì dalle 8,30 alle 13,30 e dalle 15 alle 17,30) oppure tramite mezzo posta (Sportello Unico, piazza Amintore Fanfani 1, 52100 Arezzo) o ancora Pec all’indirizzo comune.arezzo@postacert.toscana.it

Avviso e domanda saranno pubblicati da giovedì 23 gennaio nel sito del Comune di Arezzo nella sezione “In evidenza”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento