Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Consiglio comunale, plebiscito per Stella presidente: "Emozionato come un bambino". Ghinelli: "Ora lotta al Covid"

Questa mattina all'interno dell'auditorium dell'Arezzo Fiere e Congressi si è svolta la prima seduta del nuovo consiglio comunale

 

"Che si possa procedere in armonia, certamente non con le stesse idee ma con quella serenità che potrà consentire a questa amministrazione di lavorare al meglio". È questo l'augurio che il sindaco di Arezzo, Alessandro Ghinelli, ha rivolto all'intero consiglio comunale che questa mattina si è riunito per la prima volta. I lavori hanno preso il via con l'elezione del presidente del consiglio comunale. Opposizione e maggioranza hanno concordato sul nome di Luca Stella, eletto tra le fila di Fratelli d'Italia nonché storico volto della destra aretina e presente in consiglio comunale dal 2006. Proposto da Jacopo Apa, ha ricevuto apprezzamento e sostegno anche dai gruppi di opposizione Pd, Scelgo Arezzo, Arezzo in Comune e Movimento 5 Stelle. All'unanimità è stato incaricato di coordinare i lavori del parlamento locale. "Sono emozionato come un bambino di prima elementare il primo giorno di scuola" ha detto appena ricevuta la campanella dal consigliere Alessandro Caneschi, il più anziano - per presenza politica - tra gli eletti. "La carica istituzionale che mi accingo a ricoprire - ha aggiunto - è a garanzia dei consiglieri comunali e della politica nella sua forma più alta. La assumo con entusiasmo, rispetto delle istituzioni e delle persone, onestà intellettuale, in nome del valore della centralità dell’aula e della rappresentanza popolare e anche per colmare le distanze che a seguito dell’abolizione delle circoscrizioni si sono create tra il ‘palazzo’ e le periferie. Rivolgo un saluto ai miei predecessori e auspico che questo Consiglio Comunale sia strumento di crescita sociale e culturale di questa città”. Dunque Stella è risultato il nome su cui l'intero consiglio ha trovato convergenza. "È un buon segnale di armonia - ha poi aggiunto il sindaco Ghinelli - speriamo che questo sentimento possa animare anche i prossimi anni di lavoro". L’ufficio di presidenza è composto anche dai due vicepresidenti Carla Borri (Lega) e Andrea Gallorini (Pd).

La nuova giunta

La seduta odierna, la prima in presenza dopo mesi di lavori a distanza attraverso piattaforme digitali, è stata l'occasione per il sindaco di presentare la propria giunta. Nove assessori scelti, come ribadito dal primo cittadino, "sulla base di competenza, appartenenza politica e parità di genere". La squadra di governo del Ghinelli bis conta su: Lucia Tanti, vicesindaco e assessore, sono conferite le deleghe nelle seguenti materie: politiche sociali e sanitarie, famiglia, scuola; Simone Chierici, attività produttive, comparto orafo, turismo e grandi eventi, società partecipate, fiera antiquaria; Alessandro Casi: opere pubbliche, manutenzione, decoro urbano, politica delle frazioni e delle periferie, mobilità e traffico; Monica Manneschi: innovazione tecnologica, semplificazione burocratica, politiche della casa; Giovanna Carlettini: personale, immigrazione e politiche di integrazione, pari opportunità, politiche per la tutela e la difesa degli animali, rapporti con il Consiglio Comunale; Francesca Lucherini: urbanistica, edilizia, opere di urbanizzazione, politiche per il paesaggio; Federico Scapecchi: sport, politiche giovanili; Marco Sacchetti: interventi strategici, ambiente, protezione civile, ciclo dei rifiuti, ciclo delle acque; Alberto Merelli: finanze, bilancio, tributi, provveditorato e patrimonio, rapporti con l’università, finanziamenti Ue.

"Gli assessore sono nove perché il lavoro da fare è tanto - ha spiegato il sindaco - ho scelto di dividere in più parti pacchetti di deleghe per non gravare troppo su una singola persona. Ho cercato di costruire una squadra che, pur rispondendo alle logiche di assetto ed equità politica, contasse su persone competenti. Un puzzle che ho cercato di costruire nel più pieno rispetto di questi equilibri e, credo, di esserci riuscito".

Dunque da oggi sono partiti ufficialmente i lavori del nuovo governo che, come noto, dovrà tornare ad affrontare la questione sanitaria legata all'emergenza Covid-19. "Il mio prossimo impegno in agenda - continua Ghinelli - prevede un incontro con il direttore generale della Asl Toscana sud est. Con lui dovremo discutere due temi: un sistema di promozione del vaccino antinfluenzale e l'altro è un approfondimento sul Coronavirus". 

La prossima seduta del consiglio comunale attende di conoscere la data di convocazione anche se, come anticipato in aula anche dal sindaco di Arezzo, tornerà a svolgersi in remoto e non più in presenza. "Ovviamente - ha specificato Ghinelli - la scelta spetta al presidente Stella ma anche le direttive contenute nell'ultimo decreto del presidente del consiglio dei ministri affrontato questo punto in maniera molto chiara indacando come preferibile questa soluzione".

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento