La bolletta dell'acqua più salata della Toscana è quella degli aretini. Dal Comitato: "Oltre 700 euro all'anno per le famiglie"

I calcoli sono quelli del Comitato Acqua Pubblica di Arezzo che ha riconteggiato la spesa annuale tenendo in considerazione i consumi di una famiglia di quattro persone

I loro calcoli parlano chiaro.
Arezzo è ancora la città toscana con la bolletta del servizio idrico più salata della regione.
Sono i membri del Comitato Acqua Pubblica a prendere carta, penna e calcolatrice e fare i conti in tasca agli utenti che sono serviti dal gestore Nuove Acque.

In totale sono 716 gli euro che, annualmente, una famiglia aretina pagherebbe per ricevere a casa propria il servizio di fornitura idrica consumando all'incirca 190 metri cubi.

"Solitamente - spiega Gianfranco Morini, presidente Comitato Acqua Pubblica - le indagini nazionali fanno sempre riferimento a consumi entro i 150 metri cubi ed è per questo che le aziende che gestiscono il servizio idrico stanno attente a contenere le cifre. Noi, dal canto nostro, abbiamo fatto altri conteggi tenendono in considerazione i consumi di una famiglia di quattro persone. In questo senso i metri cubi di acqua si aggirano intorno ai 190 e il costo annuo è pari a oltre settecento euro. E' in assoluto la cifra più alta di tutta la regione". 

Differente è invece il risultato se viene preso come metro di paragone una famiglia di tre persone con consumi non superiori a 150 metri cubi. In questo senso i costi più alti sono quelli di Pisa, Siena e Grosseto con 530 euro all’anno, seguono Livorno con 507, Arezzo con 490 euro, Firenze, Pistoia e Prato con 470, Massa Carrara 430 e Lucca 320.

Si parla di

Video popolari

La bolletta dell'acqua più salata della Toscana è quella degli aretini. Dal Comitato: "Oltre 700 euro all'anno per le famiglie"

ArezzoNotizie è in caricamento