Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arezzo verso il ballottaggio. Ghinelli: "Risultato enorme, Ralli avversario temibile"

Il commento del primo cittadino, nonché candidato del centrodestra alle elezioni comunali per il rinnovo del governo di Arezzo. La città sarà chiamata alle urne il 4 e il 5 ottobre

 

Alessandro Ghinelli non ha dubbi. “Se ballottaggio sarà lo affronteremo con serenità e passione. Sarà faticoso ma lo faremo”. È così che l’attuale sindaco, nonché candidato del centrodestra alla poltrona di primo cittadino di Arezzo, ha commentato il ballottaggio. “Per me è un risultato comunque positivo - sottolinea Ghinelli - che sia il 49,9 o il 50,2 per cento quella ottenuta è una percentuale molto significativa. Se consideriamo poi che nel 2015 partivamo dal 36%, direi che i cittadini ci hanno accordato una enorme fiducia. Segno che abbiamo governato bene”.

Di fatto la città sarà chiamata alle urne di nuovo il 4 e il 5 ottobre prossimi. In quella data Ralli e Ghinelli si affronteranno in un faccia a faccia davvero serratissimo cercando di conquistare fino all’ultimo voto. “Combatteremo con determinazione - ha sottolineato Ghinelli - Il ballottaggio è un confronto differente dal primo turno perché, di fatto, sono i candidati sindaco, le persone in sé a fare la differenza. Quelli che ci attendono saranno altri 14 giorni di fatica ma li vivremo al massimo delle nostre potenzialità. Luciano Ralli è un avversario sicuramente temibile perché raccoglie il favore di un’area politica prevalente. È una persona per bene oltre che un professionista serio. Il suo progetto elettorale, per me, non è assolutamente credibile e significativo ma, nonostante questo, credo che possa avere premesse per un buon risultato. Io penso di avere numeri maggiori rispetto a lui ma, le varianti che esortano il cittadino ad esprimersi sono sempre numerosissime. Agli aretini ho sempre detto, e continuerò a ripetere, di guardare bene quello che abbiamo fatto e decidere se vogliono che continuiamo ad andare avanti oppure no”.

Nel quadro regionale la provincia di Arezzo si è espressa in favore di Susanna Ceccardi, candidata alla presidenza della Toscana per il centrodestra nonché ex sindaco leghista di Cascina. Oltre il 46 per cento delle preferenze che, però, poco hanno inciso nel contesto generale visto che la candidata è stata superata da Eugenio Giani neo governatore. In considerazione di queste cifre si attendeva qualche punto percentuale in più? Sperava di saltare il secondo turno di votazioni?

“C’ho pensato - ha sottolineato - Il voto di Susanna Ceccardi è stato forte ed ha trainato il centrodestra. Quello di Arezzo è un risultato molto soddisfacente ed è proprio in considerazione di esso che voglio attendere fino all’ultimo perché i numeri miei non dovrebbero essere molto diversi da quelli che abbiamo visto per la corsa regionale”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento