Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Le Giostre del Toppo, Gnicche, l'eccidio. La street art racconta la storia di Civitella

Badia al Pino, Civitella, Tegoleto e Pieve al Toppo. Quattro bacheche e altrettante storie raccontate con la street art

 

La storia di Civitella raccontata dalla street art. E' l'idea con la quale l'amministrazione comunale ha deciso di dare nuova vita a quattro bacheche informative in disuso da alcuni anni e che si trovano all'interno delle frazioni di Civitella, Pieve al Toppo, Badia al Pino e Tegoleto.

Quattro bacheche che Matteo Bidini insieme all'artista, Exitenter, hanno trasformato prendendo spunto dalla storia dei paesi e da episodi che hanno segnato la storia non solo di quello spicchio di Valdichiana. E così a Civitella la bacheca nei pressi del parcheggio racconterà l'eccidio, ma anche la rinascita del paese, mentre Pieve al Toppo la battaglia del 26 giugno 1288 che Dante immortalò nella Divina Commedia. A Tegoleto si parlerà di Gnicche visto che qui venne catturato e ucciso dai carabinieri. Già terminata la bacheca di Badia al Pino, installata a pochi metri dall'ingresso della scuola media. Un'opera che rappresenta lo skyline della frazione e poi quel pino che i badiesi hanno subito riconosciuto essere quello che sorge all'interno del paese.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento