rotate-mobile
Video

VIDEO | Spettro autistico, ad Arezzo c'è la squadra del Dream Team: il testimonial Ciccio Graziani e la prima partita a Roma

Con loro l'allenatore Gianluca Livi. Il testimonial del gruppo è il campione del mondo Ciccio Graziani. La formazione, come quella del Calcio Champagne, è nata all'interno della società Olmoponte Santa Firmina

Calcio Champagne e Dream Team sono i nomi di due formazioni speciali che fanno parte della società Olmoponte Santa Firmina. Nei campi di via Andrea del Verrocchio si allenano settimanalmente guidati dall'esperto mister Gianluca Livi e trascinati dall'entusiasmo del loro testimonial, il campione del mondo del 1982, l'aretino Ciccio Graziani, molto spesso presente con loro nel rettangolo di gioco. 

"Uno degli aspetti più belli è vedere la serenità e il sorriso negli occhi dei loro genitori" commenta a proposito proprio Graziani. Le due formazioni infatti sono costituite da bambini e ragazzi con disabilità. Nel Calcio Champagne la formazione è unificata, dove si allenano e giocano insieme baby calciatori con e senza disabilità. Con il Dream Team invece è nata una squadra di ragazzi che rientrano nello spettro autistico. "Non tutti credevano che saremmo riusciti in questa avventura - spiega Gianluca Livi - proprio perché nell'autismo la relazione di squadra tra più persone è ancora più difficile."

E a inizio febbraio è arrivata un'esperienza che alcuni mesi fa sarebbe stata impensabile. "Siamo andati a giocare in trasferta a Roma, dove era stata organizzata una partita ufficiale, la prima per noi, e così vivere l'attesa del viaggio, organizzarsi, ritrovarsi e partire per la Capitale è stato veramente entusiasmante, per i ragazzi per le famiglie e per tutti noi" ha raccontato l'allenatore.

Il resoconto della trasferta

Grande emozione sabato pomeriggio per la giovane squadra di calcio unificato del progetto Dream Team dell’Olmoponte Santa Firmina, che a Roma ha partecipato alla sua prima partita ufficiale contro la Pro Roma. A pochi mesi dalla nascita del progetto, che offre la possibilità a bambini nello spettro autistico e con disabilità intellettiva di formare una squadra di calcio insieme a bambini a sviluppo tipico, è arrivata la prima partita, con grande entusiasmo e soddisfazione dell’allenatore e dei genitori: “Con grande sorpresa i bambini ci hanno dimostrato durante gli allenamenti che erano pronti per giocare una partita e abbiamo colto al volo l’invito della ProRoma. Per i nostri bambini era la prima partita in assoluto, è stato stupendo vederli in posa tutti con lo stesso completino e scendere in campo esattamente come fa una squadra vera. Vedere giocare insieme bambini con e senza disabilità è fantastico, si crea una sinergia che permette di superare ogni difficoltà” dichiara l’allenatore Gianluca Livi.

“A Roma ho visto mio figlio felice ed entusiasta e ho provato gioia e speranza, speranza che nello sport si creino sempre più spazi inclusivi, dove bambini e ragazzi con e senza disabilità possano giocare, divertirsi insieme. La giornata per me ha significato un primo passo importantissimo per una strada da percorrere affinché anche i ragazzini con disabilità possano praticare sport come tutti gli altri bambini, ma con un'attenzione particolare, perché queste iniziative non possono improvvisarsi, ma vanno organizzate e seguite da allenatori specializzati, come succede all’Olmoponte Santa Firmina” sono state le parole di Stefania, mamma di un bambino del progetto Dream Team.

I ragazzi del Dream Team in trasferta a Roma

Nel video Gianluca Livi e Ciccio Graziani spiegano il progetto in un'intervista realizzata poco prima della partenza per la trasferta.

Copyright 2024 Citynews

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

VIDEO | Spettro autistico, ad Arezzo c'è la squadra del Dream Team: il testimonial Ciccio Graziani e la prima partita a Roma

ArezzoNotizie è in caricamento