Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Verso Arezzo-Prato, Pavanel: "In campo la giusta rabbia"

Terzo derby in una settimana per l'Arezzo di Massimo Pavanel. Dopo le trasferta di Siena e Livorno ecco il ritorno al Comunale che vedrà l'esordio in tribuna del nuovo presidente Marco Matteoni. Una partita dove servono solo i tre punti...

Terzo derby in una settimana per l'Arezzo di Massimo Pavanel. Dopo le trasferta di Siena e Livorno ecco il ritorno al Comunale che vedrà l'esordio in tribuna del nuovo presidente Marco Matteoni.

Una partita dove servono solo i tre punti. "Vietato sbagliare" è l'imperativo che accompagna la vigilia in casa amaranto complice la penalizzazione in classifica e non solo.

"Arriviamo a questa partita convinti e consapevoli che fisicamente stiamo bene - confessa Pavanel - purtroppo contro Siena e Livorno nonostante due buone prestazioni non siamo riusciti ad ottenere il successo. Siamo arrabbiati perché contro Siena e Livorno abbiamo tenuto bene il campo. Purtroppo l'epilogo in entrambi i casi è stato negativo. Questo ci deve caricare ancora di più. Domani dovremo scendere in campo con la giusta rabbia ma anche intelligenza perché non sarà una partita facile".

Che avversario si aspetta?

"Non dobbiamo farci ingannare dalla loro classifica - prosegue Pavanel - nell'ultimo periodo il Prato è cresciuto. Fuori casa non hanno mai vinto in questa stagione. E' anche vero però che molte partite le hanno perse nei minuti finali. Vengono da due vittorie consecutive tra campionato e Coppa. Una squadra giovane che verrà con entusiasmo e determinazione. Solitamente giocano con un 4-3-3 e così me li aspetto".

Nelle ultime partite è mancato il risultato più che il gioco. Questo potrebbe portarla a cambiare qualcosa, magari a tornare al 3-5-2?

"In effetti è così. I ragazzi si sono mossi bene ma non hanno raccolto quanto meritavano. Qualche problema in attacco? Forse ci è mancata un po' di lucidità. anche per questo ho preferito risparmiare a Cutolo e Moscardelli la trasferta di Livorno. Per quanto riguarda il modulo i ragazzi sanno adattarsi senza problemi anche a partita in corso. Vediamo come si schiereranno i nostri avversari. Solitamente tendono a creare densità al centro. Sarà nostro compito aggirare questo blocco e allargare la manovra".

Domani in tribuna assisterà all'incontro la nuova proprietà, in primis il presidente Matteoni. Può essere uno stimolo in più?

"Noi pensiamo solo campo come abbiamo sempre fatto. Certo è che l'arrivo del nuovo presidente ha portato e porterà entusiasmo. La squadra sicuramente vorrà dare il massimo. Immagino che per chi entra vedere una squadra che corre e lotta su ogni pallone può accrescere la fiducia".

Articoli correlati:

Origini toscane, lavoro e sport. Matteoni: "Ecco come è nata questa avventura"

Marco Matteoni, ecco il nuovo presidente dell'Us Arezzo Twitter @MatteoMarzotti
Si parla di

Video popolari

Verso Arezzo-Prato, Pavanel: "In campo la giusta rabbia"

ArezzoNotizie è in caricamento