Sabato, 18 Settembre 2021
Sport

Una Promozione per cinque. Estasi per il Rassina, brividi a Tegoleto e una Sansovino sul filo del rasoio

Una cosa è certa: seguire i campionati dilettanti è un po' come stare sulle montagne russe. Vedere per credere la lotta salvezza in Eccellenza, quella per il primo posto in Promozione e soprattutto Prima Categoria con sei squadre in soli tre punti...

Prima_corsa_promozione

Una cosa è certa: seguire i campionati dilettanti è un po' come stare sulle montagne russe. Vedere per credere la lotta salvezza in Eccellenza, quella per il primo posto in Promozione e soprattutto Prima Categoria con sei squadre in soli tre punti a 90' dal termine della regular season. Poi c'è anche chi ha già chiuso i conti come il Rassina. Ecco cosa lasciano gli ultimi 90' di gioco, partendo dalle lotta per il primato in classifica.

Spoiano e Alberoro, una fase di gioco

Una poltrona per sei. Spoiano (51 punti), Bettolle e Valdichiana (50 punti), poi Fontebelverde e Alberoro (49 punti) infine Poliziana (48 punti). La classifica parla chiaro. Sei squadre in tre punti a 90' dal termine della regular season. Mai campionato fu più avvincente di questo negli ultimi tre anni. Lo Spoiano con il pari interno ottenuto contro la diretta concorrente Alberoro è padrone del proprio destino. Archiviati i risultati dell'ultimo turno è bene studiare tutti gli incroci.

Lo Spoiano sarà di scena in casa dell'Etruria Capolona, l'Alberoro invece riceverà un Torrita che non farà sconti. L'Atletico Levane, salvo e senza altri obiettivi, ospiterà il Valdichiana. Il Bettolle andrà a far visita alla Fratta mentre il Fontebelverde affronterà il già retrocesso Castiglion Fibocchi. Grande festa per il Rassina Estasi a Rassina. Vittoria doveva essere e vittoria è stata e non solo riguardo la partita con il Vaggio. I biancoverdi erano annoverati tra i favoriti per la promozione fin dall'estate, dall'arrivo di Cerofolini nei quadri dirigenziali e mister Bartolini in panchina. Contro il Vaggio ecco il doppio regalo al presidente del sodalizio casentinese Remo Ricci: in poche ore può festeggiare compleanno (auguri!) e campionato. Una menzione speciale la meritano tutti i giocatori della rosa ma in particolare Rubechini fin troppe volte decisivo nel corso della stagione. Ancora un rinvio per il Tegoleto. L'ennesimo rinvio della festa promozione diventa un caso clinico a Tegoleto. La vittoria di un campionato manca da 36 anni, la partecipazione alla Prima Categoria molto meno ma non sono certo questi gli alibi per spiegare il momento dei biancorossi.

Il Santa Firmina ha fatto la sua onesta partita. Il Tegoleto passa in vantaggio, i gialloverdi non tirano i remi in barca e dopo il pari firmano un 2-1 beffardo (per gli ospiti). Adesso sono rimasti solo 3 punti degli 11 di vantaggio sulla seconda. Il fiato sul collo della Virtus Asciano (domenica andrà a Geggiano) si fa sentire. Al Tegoleto contro il Terontola servirà l'ormai famoso punto per fare festa ed evitare uno spiacevole spareggio promozione.

Sansovino sul filo del rasoio. Decisamente in bilico la formazione di mister Viviani che dal suo arrivo sulla panchina degli arancioblù non è riuscito a dare quella scossa necessaria per restare fuori dai playout. La Sansovino da allora è scivolata sempre più, fino al penultimo posto. Adesso la situazione è quanto mai delicata. La vittoria nello scontro diretto con il Foiano ha evitato l'onta dell'ultimo posto ma non i playout. Domenica il Signa ha vinto a Le Fonti e si è portato momentaneamente fuori dalla zona calda inguaiando i savinesi, attardati di 11 punti dalla quintultima.

Domenica serviranno i tre punti e sperare che una delle formazioni al 13esimo posto (Chiusi, Signa, Valdarno) resti a bocca asciutta nell'ultimo turno del campionato di Eccellenza con la Sansovino che cercherà di non tramutare in un commiato. Twitter @MatteoMarzotti
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una Promozione per cinque. Estasi per il Rassina, brividi a Tegoleto e una Sansovino sul filo del rasoio

ArezzoNotizie è in caricamento