Sport

Il taekwondo aretino emerge all’Open internazionale di Riccione

Nove medaglie di valore internazionale impreziosiscono la stagione del Centro Taekwondo Arezzo. Dopo un periodo senza gare, la società è tornata sul tatami nel Campionato Open di Riccione che ha visto combattere oltre mille ragazzi e ragazze da...

Centro Taekwondo Arezzo - Conti e Mocerino (1)

Nove medaglie di valore internazionale impreziosiscono la stagione del Centro Taekwondo Arezzo. Dopo un periodo senza gare, la società è tornata sul tatami nel Campionato Open di Riccione che ha visto combattere oltre mille ragazzi e ragazze da tre nazioni e da diciotto regioni italiane, andando a configurare uno degli appuntamenti più importanti della stagione del taekwondo giovanile nazionale. La società aretina, guidata dal maestro Andrea Rescigno, si è presentata con gli undici atleti di punta del suo settore giovanile con cui è riuscita a cogliere due ori, quattro bronzi, tre argenti e, soprattutto, il dodicesimo posto tra centoquarantadue squadre iscritte. Oltre al valore delle medaglie, il Centro Taekwondo Arezzo è emerso per la spettacolarità delle tecniche eseguite e per il carattere dimostrato in ogni incontro, meritando applausi anche da allenatori e genitori avversari. Significativo, ad esempio, è il fatto che tra i migliori di questa trasferta sia rientrato Mattia Martini che, pur non essendo salito sul podio dei -30kg Cadetti B, ha dato vita a combattimenti di altissimo livello prima di arrendersi in anticipo a causa di un forte mal di testa.

La soddisfazione di ottenere il successo è arrivata nei Cadetti A con Giulia Mocerino nei -44kg e con Alessia Conti nei -51kg che hanno meritato la medaglia d'oro, vincendo tre incontri a testa: la prima ha sfidato avversarie più alte e più pesanti ma si è imposta con agilità e sicurezza, mentre la seconda è riuscita sapientemente ad emergere con le sue doti fisiche. Ad un passo dall'oro è arrivata Emma Duranti che, nei -59kg Cadetti A, ha chiuso in pareggio la finale e si è poi fermata nella ripresa supplementare, accontentandosi così dell'argento. Sul secondo gradino del podio sono arrivati anche Lorenzo Franchi che nei -30kg Esordienti A si è confermato tra i più forti d'Italia, Andrea Barbagli che si è dovuto ritirare per infortunio nella finale dei -30kg Cadetti B e Francesco Nofri che ha ben figurato nei -27kg Cadetti B. In quest'ultima categoria, il Centro Taekwondo Arezzo ha colto anche un bronzo con Gioele Paci che è stato costretto a lasciare il tatami per un infortunio. Le ultime due medaglie sono i bronzi arrivati tra gli Junior con Mirko Vannini nei -59kg e Alex Botnari nei -51kg: entrambi sono arrivati terzi dopo aver vinto due incontri con atleti più esperti e di cintura superiore. A chiudere la squadra aretina, infine, è stato Joan Buzuka che è subito uscito di scena nei -37kg Cadetti B. «Il taekwondo aretino - commenta Rescigno, - si conferma ricco di tanti atleti di sicuro avvenire, come confermano le nove medaglie ottenute a Riccione con appena undici ragazzi e, soprattutto, il dodicesimo posto nel medagliere di una delle gare internazionali più partecipate d'Italia».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il taekwondo aretino emerge all’Open internazionale di Riccione

ArezzoNotizie è in caricamento