Promozione, lo Spoiano a caccia di una salvezza "da Champions"

"Raggiungere la salvezza sarebbe come vincere la Champions". Andrea Bernardini, capitano dello Spoiano e in maglia gialloblù da dieci anni, va dritto al punto. Quando è arrivato in forza allo Spoiano le avversarie erano Montecchio e Fratticciola...

 

"Raggiungere la salvezza sarebbe come vincere la Champions". Andrea Bernardini, capitano dello Spoiano e in maglia gialloblù da dieci anni, va dritto al punto. Quando è arrivato in forza allo Spoiano le avversarie erano Montecchio e Fratticciola, i derby quelli con Ciggiano e Tegoleto. Da domenica invece dalle parte dello stadio "I cipressi" i derby saranno con Foiano, Sansovino, Cortona solo per citare alcune squadre.

Per un paese di 300 anime sparse lungo la SS73 senese aretina il campionato di Promozione ha il sapore della Serie A.

"30 anni fa dopo alcune esperienze nel categorie amatoriali - spiega il presidente, Nello Mencaroni - lo Spoiano esordì in Terza Categoria. Lo scorso anno puntavamo ad una salvezza tranquilla e alla fine è arrivato questo salto di categoria. Per noi, per la nostra piccola realtà, è un mondo completamente nuovo. Non eravamo certo abituati a giocare con la terna. Adesso con entusiasmo e umiltà proveremo a raggiungere il nostro obiettivo puntando come sempre sul gruppo".
Già perché lo Spoiano ha fatto del gruppo, nel vero senso della parola, il proprio punto di forza. Ormai da alcuni anni l'ossatura della squadra è sempre la stessa. Dalla Seconda alla Promozione lo Spoiano ha cambiato solo alcune pedine ma lo spogliatoio è rimasto sempre unito e compatto. Tra questi c'è Andrea Bernardini, capitano dei gialloblù, arrivato quasi dieci anni fa in Valdichiana e che insieme ad altri compagni gestisce la pagina fan della squadra, "La Spoianense" con oltre 1500 like e tanto umorismo.

"E' una piccola famiglia con i dirigenti che non ci fanno mancare nulla - spiega Bernardini - il gruppo? E' vero, è cambiato pochissimo nel corso delle ultime stagioni e fa un po' effetto pensare che siamo partiti dalla Seconda per arrivare dove siamo oggi. Il nostro obiettivo comunque è chiaro. Puntiamo alla salvezza che per noi sarebbe un po' come vincere la Champions League".

Al timone dei "cipresseros", come si fanno chiamare i ragazzi dello Spoiano su Facebook, è stato confermato Gianluca Scarnicci a testimonianza ancora una volta che oltre ai meriti sportivi in casa gialloblù si guarda alla programmazione e al consolidamento del gruppo.

"Come vivo questo esordio? Con emozione e tanto entusiasmo - confessa mister Scarnicci - una piccola come la nostra che andrà ad affrontare società importanti e blasonate non può non essere emozionata. Proveremo attraverso il gruppo, l'umiltà e l'entusiasmo a rendere la vita difficile a tutti".

Twitter @MatteoMarzotti

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento