Martedì, 28 Settembre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Porta del Foro, propiziatoria con Marconcini: "Grazie Arezzo". Obiettivo Tokyo 2020

Una cena propiziatoria per spingere la Chimera a interrompere quel digiuno di vittorie, ma anche una festa per la storica medaglia di argento ottenuta al Mondiale. Sorrisi, abbracci e anche qualche selfie per Matteo Marconcini che non ha voluto...

Una cena propiziatoria per spingere la Chimera a interrompere quel digiuno di vittorie, ma anche una festa per la storica medaglia di argento ottenuta al Mondiale. Sorrisi, abbracci e anche qualche selfie per Matteo Marconcini che non ha voluto mancare per niente al mondo alla cena del suo quartiere, Porta del Foro, e domani sarà in Piazza a tifare i giallocremisi.

"Io un ospite d'eccezione? No, faccio parte di questo quartiere da più di 20 anni - precisa subito Marconcini - sarò tra la folla insieme ai miei amici per propiziare i nostri cavalieri".

Domani non sarai tra i figuranti ma farai il tifo dalla tribuna.

"E' così in questo quartiere si lavora sodo per guadagnare il vestito tanto ambito per entrare in Piazza Grande - sottolinea il judoka dell'Arma dei carabinieri - io per ovvi motivi non ho potuto lavorare come tanti ragazzi hanno fatto nel corso dell'anno ed giusto che loro abbiano questa opportunità. Io sarò in tribuna a fare il tifo per la Chimera".

Come hai vissuto il gesto del tuo quartiere che ha deciso di lasciare il trofeo della Prova generale a Porta Crucifera?

"E' stato un gesto bellissimo - commenta Marconcini - Ciuffino è stato un capitano rispettabilissimo di un quartiere da stimare perché vero. Noi abbiamo vinto il piatto ma era giusto darlo a loro. Un gesto nobile che non so in quanti lo avrebbero fatto, noi lo abbiamo fatto".

Tornando a parlare di sport che programmi hai in futuro?

"Dopo la Giostra andrò in vacanza con la mia ragazza poi a metà settembre tornerò a Roma per curare alcuni acciacchi. Il prossimo obiettivo sono le qualificazioni per Tokyo 2020. Sarebbe bello tornare alle Olimpiadi e magari portare questa volta oltre al foulard di Porta del Foro anche la bandiera di Arezzo".

"Un ragazzo eccezionale" così il vicesindaco di Arezzo, Gianfrancesco Gamurrini presente alla propiziatoria della Chimera, ha definito Matteo Marconcini.

"Poco dopo la finale ho chiamato Matteo per complimentarmi con lui, lo seguo da molti anni ormai - spiega Gianfrancesco Gamurrini - siamo orgogliosi di avere un concittadino come Teo. E' un aretino doc anche se da molti anni vive a Roma. Non manca mai per la giostra e il suo cuore è qui. Immagino che porterà la bandiera di Arezzo in giro per il mondo con grande orgoglio".

Articoli correlati:

Porta del Foro rinuncia al trofeo e lo dona a Colcitrone: “Il suo posto è a Palazzo Alberti”, l’abbraccio tra i rossoverdi e i chimerotti

Marconcini argento Mondiale: “Mancava dal 2007. Adesso la Chimera spezzi il digiuno in Giostra”

Strepitoso Marconcini: l’aretino conquista l’argento al Mondiale. La cronaca della giornata

"Grazie Matteo, campione vero". I complimenti dell'assessore allo sport Lucia Tanti

La mobilitazione di Porta del Foro, sede aperta per seguire Marconcini

L'intervista alla vigilia tra judo e Giostra

Twitter @MatteoMarzotti

Si parla di

Video popolari

Porta del Foro, propiziatoria con Marconcini: "Grazie Arezzo". Obiettivo Tokyo 2020

ArezzoNotizie è in caricamento