Sport

Pallamano Petrarca: "Under 17 al traguardo finale, quando una sconfitta fa notizia più di una vittoria"

Di seguito il report degli ultimi impegni sportivi riguardanti le formazioni della Petrarca Pallamano. Arrivano alla conclusione per la Petrarca i campionati under 17 sia femminile che maschile, e lo fanno come spesso succede distribuendo in...

pallamano_palla

Di seguito il report degli ultimi impegni sportivi riguardanti le formazioni della Petrarca Pallamano.

Arrivano alla conclusione per la Petrarca i campionati under 17 sia femminile che maschile, e lo fanno come spesso succede distribuendo in egual misura recriminazioni e soddisfazioni, certezze e speranze.

Partendo dalle citte il campionato in rosa si chiude in agrodolce in quel di Prato con una gara dai due volti. Come da pronostico Tushe, padrona di casa, si impone per 31 a 26. Basta un primo tempo dominato, e chiuso con un sicuro più dodici, per mettere in cassaforte il risultato e confermarsi degna vincitrice del torneo.

Il pubblico aretino nell'intervallo teme un tracollo, ma la Petrarca ci ha ormai abituato a giocare due partite in una. Come già contro Follonica, dagli spogliatoi esce una squadra letteralmente trasformata. Scapecchi e compagne, con Saadi in panchina, sfornano una grande prestazione: lottano su ogni palla, segnano una rete dopo l'altra, rimontano. Le campionesse sono frastornate, cercano di amministrare il gioco con la carta dell'esperienza, non sempre ci riescono. Il parziale favorevole di 18 a 11 non basta a vincere, troppo lo svantaggio da colmare, ma dice tutto anche a chi mastica poco di pallamano.

Al termine di una stagione sofferta, piena di problemi che hanno spaziato da defezioni importanti a infortuni, impianti, panchina, in casa Petrarca rimane la certezza di avere un gruppo forse ristretto numericamente, che probabilmente sul piano dei risultati ha raccolto meno delle attese, ma che comunque alla fine si è ritrovato, compatto, combattivo e competitivo con chiunque. C'è roba per ripartire alla grande e per avere fiducia nel futuro, magari recuperando quello che si è perso per strada ed allargando la ricerca di nuove leve.

Finisce anche nel maschile con una gara passerella a Poggibonsi. Senza particolari stimoli agonistici, gli aretini lasciano spazio ai grintosi locali imponendosi comunque per 39 a 36. Confermano così il secondo posto alle spalle di Tavarnelle, che proprio nell'ultimo turno scivola sulla classica buccia di banana in casa contro Grosseto. Una sconfitta ininfluente, che comunque riduce il distacco di Arezzo al minimo sindacale dei due punti e forse aumenta in casa amaranto i rimpianti ma anche, perchè no, la voglia di rivincita.

Arrivederci ragazze e ragazzi, la prossima stagione batte alle porte.

Intanto domenica prossima tutti al PalaMecenate per il concentramento misto under 13, fra sudore e divertimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pallamano Petrarca: "Under 17 al traguardo finale, quando una sconfitta fa notizia più di una vittoria"

ArezzoNotizie è in caricamento