Martedì, 3 Agosto 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non sarà una gara semplice". Pavanel tiene alta l'attenzione: "Ancora presto per dire di essere cresciuti"

"Non sarà una gara semplice". Massimo Pavanel mette in guardia i propri ragazzi alla vigilia della sfida con l'Olbia. Una partita che potrebbe rappresentare un svolta alla luce degli ultimi tre risultati utili consecutivi anche se al riguardo il...

"Non sarà una gara semplice". Massimo Pavanel mette in guardia i propri ragazzi alla vigilia della sfida con l'Olbia. Una partita che potrebbe rappresentare un svolta alla luce degli ultimi tre risultati utili consecutivi anche se al riguardo il mister parla chiaro.

"I nostri avversari sono una squadra giovane - spiega Pavanel - molti di loro vengono dal settore giovanile del Cagliari che ho avuto modo di conoscere quando allenavo la Primavera del Verona. E' una squadra che gioca a memoria in certe situazioni. Non sarà semplice. Concedono pochi spazi e al tempo stesso davanti hanno Ragatzu e Ogunseye, due elementi che sanno saltare l'uomo nell'uno contro uno".

Dopo i sette punti in tre partite l'Arezzo cerca conferme anche se il tecnico mette in guardia.

"E' ancora presto per dire se siamo cresciuti o meno - prosegue Pavanel - quando saremo attorno alla decima giornata potremo dire dove potremo arrivare. Da gennaio poi inizierà un campionato completamente diverso... Ad oggi l'Arezzo è una squadra in evoluzione che ha raggiunto degli equilibri e che presto potrà contare sul rientro di Cellini e Cutolo".

Intanto il mister tende a spegnere facili entusiasmi per tenere alta l'attenzione sul campo.

"Si ho letto che 'la cura Pavanel funziona' - commenta il mister - non mi faccio prendere facilmente dall'entusiasmo. Guardate cosa è successo ad Ancelotti: qualcuno ha detto che i suoi allenamenti non erano all'altezza, eppure stiamo parlando di un allenatore tra i più vincenti. Io ci metto il massimo entusiasmo. Sono un esordiente in categoria ma ho esperienza sia come calciatore che come allenatore. In campo cerco di dare sempre il massimo".

Twitter @MatteoMarzotti
Si parla di

Video popolari

"Non sarà una gara semplice". Pavanel tiene alta l'attenzione: "Ancora presto per dire di essere cresciuti"

ArezzoNotizie è in caricamento