Maledizione Arezzo: rimonta due volte la Spal che al 95' trova il 3-3

Sembrava la partita perfetta per spezzare l'incantesimo dei pareggi e delle beffe subìte nei minuti finali ed invece l'Arezzo deve rimandare l'appuntamento con la vittoria. Per la prima volta in stagione gli amaranto erano persino riusciti a...

 

Sembrava la partita perfetta per spezzare l'incantesimo dei pareggi e delle beffe subìte nei minuti finali ed invece l'Arezzo deve rimandare l'appuntamento con la vittoria. Per la prima volta in stagione gli amaranto erano persino riusciti a trovare per ben due volte la forza di recuperare i gol della Spal, arrivando anche al 3-2. Nei minuti finali però Cellini trova il pari e un punto prezioso per gli uomini di Semplici.

Non c'è Monaco squalificato e così Capuano conferma Milesi in difesa con il rientrante Panariello. A centrocampo la novità e più nel modulo che negli interpreti. Fuori Feola (non al top), dentro Masciangelo a destra con Capece e Gambadori centrali nel 3-4-1-2 con il quale l'Arezzo inizia la partita. Non ci sono invece sorprese nelle schieramento della Spal visto che l'ex Leonardo Semplici si affida al 3-5-2 preferendo Finotto a Cellini in attacco.

Si gioca su buoni ritmi al Comunale. La Spal tiene palla e cerca l'ampiezza per allargare le maglie della difesa amaranto. Mora si stacca spesso cercando di trovare il passaggio giusto, ma la retroguardia amaranto non corre rischi. L'unico brivido arriva su una ripartenza dei ferraresi con Mora che dal limite impegna Baiocco, ma il numero uno amaranto si supera per ben due volte respingendo anche la conclusione di Lazzari, lesto a prendere la ribattuta.

L'Arezzo attacca a folate. Dapprima ci prova con Tremolada su punizione dal limite, ma il tiro è centrale e Branduani respinge con i pugni. Alla mezz'ora gli amaranto attuano un vero e proprio forcing sotto la Curva Sud che si infiamma e sogna il gol, la Spal resiste e sventa ogni pericolo.

Gli uomini di Leo Semplici superato il pericolo si riportano in avanti dove devono fare i conti con un super Baiocco che estrae dal cilindro un altro intervento decisivo riuscendo a deviare il tiro da distanza ravvicinata di Finotto. Il numero uno amaranto non può nulla però due minuti dopo sul diagonale di Zigoni che firma il gol del vantaggio.

L'Arezzo non ci sta. Gli amaranto sfruttando anche la spinta del proprio pubblico cercano e trovano il pari prima dell'intervallo: cross di Tremolada e Betancourt, da attaccante vero, si smarca e in scivolata infila il pari. Secondo gol in due partite per l'uruguaiano e per la prima volta in stagione l'Arezzo dopo essere andato sotto di un gol riesce a recuperare.

Si scaldano gli animi anche in campo e a farne le spese è Ezio Capuano che viene espulso alla fine del primo tempo. Il tecnico si accomoda in tribuna e prova a svegliare i suoi che sembrano aver lasciato l'intraprendenza del primo tempo negli spogliatoi. La Spal non crea pericoli eppure riesce a passare in vantaggio con la complicità di Baiocco che si lascia sorprendere da Castagnetti con un tiro da centrocampo. Capuano in tribuna infittisce i collegamenti con la panchina chiedendo di alzare il baricentro. Al 58' Carlini cade in area sul contrasto di un avversario. L'arbitro indica il penalty e Tremolada dal dischetto spiazza Branduani per il pari. Finita qui? Neanche per sogno. Tremolada nemmeno un minuto dopo va via sulla destra, entra in area evitando il diretto avversario e supera con un sinistro a giro Branduani per il 3-2. Per la prima volta in stagione gli amaranto riescono a risorgere per ben due volte dopo essere andati in svantaggio. Semplici manda dentro anche Cellini sul quale Baiocco interviene riscattandosi per l'errore commesso ad inizio ripresa. Cellini infatti riesce a penetrare in area e ad andare al tiro, Baiocco ci mette i guantoni e salva la porta. L'Arezzo si difende con ordine e sembra accarezzare il ritorno alla vittoria tanto più che alla Spal sembra venire meno la lucidità. Eppure al 95', a meno di un minuto dal triplice fischio, Cellini in area trova l'angolo giusto per siglare il 3-3 finale. Un punto prezioso per come si era messa la partita per la Spal, mentre per l'Arezzo c'è solo il rammarico per un'altra beffa subìta nei minuti finali.

AREZZO (3-4-1-2): 1 Baiocco; 3 Madrigali, 2 Panariello, 5 Milesi; 6 Masciangelo (27' st 16 Brumat), 4 Gambadori, 8 Capece, 7 Carlini; 10 Tremolada (38' st 19 Ceria); 11 Betancourt (27' st 15 Feola), 9 Cori.

A disposizione: 12 Rosti, 13 Ferrari, 14 Bernanrdini, 17 Pugliese, 18 Calabrese, 20 Mariani, 21 Iacuzio, 22 Bozzi.

Allenatore: Ezio Capuano.

Indisponibili: Defendi, Del Magro, De Martino, Vinci. Squalificati: Monaco. SPAL (3-5-2): 1 Branduani; 2 Gasparetto, 4 Cottafava, 3 Silvestri (30' st 16 Cellini); 7 Lazzari, 8 De Vitis (12' st 20 Spighi), 5 Castagnetti, 10 Mora, 6 Beghetto (27' st 17 Di Quinzio); 9 Zigoni, 11 Finotto.

A disposizione: 12 Contini, 13 Bellemo, 14 Capezzani, 15 Ceccaroni, 18 Giani, 19 Posocco, 23 Macario.

Allenatore: Leonardo Semplici.

ARBITRO: Massimi di Termoli (Grossi di Frosinone – Diomaiuta di Albano Laziale). OA: Paolini di Pesaro.

RETI: pt 39' Zigoni, 44' Betancourt; st 6' Castagnetti, 14' Tremolada rig, 15' Tremolada, 50' Cellini.

Note – Recupero: 1' + 6'. Angoli: 6 a 2 per la S. Ammoniti: pt 27' Silvestri, 42' Betancourt; st 34' Mora, 40' Lazzari, 43' Gambadori, Gasparetto. Allontanato Ezio Capuano allafine del primo tempo.

Articoli correlati:

La classifica Twitter @MatteoMarzotti

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento