Lungo stop per Cori. Capuano:"Sono come un leone ferito, ma non mi arrendo"

Ce l'ha con la sfortuna Capuano e con quelli che a suo avviso gli "hanno lanciato la jettatura". All'indomani dell'amichevole con il Chennaiyin di Marco Materazzi, l'Arezzo fa la conta degli infortunati che vede al momento ai box l'attaccante ex...

 

Ce l'ha con la sfortuna Capuano e con quelli che a suo avviso gli "hanno lanciato la jettatura". All'indomani dell'amichevole con il Chennaiyin di Marco Materazzi, l'Arezzo fa la conta degli infortunati che vede al momento ai box l'attaccante ex Cesena e Matteo Brumat (20 giorni).

"Cori resterà fuori dai 40 ai 60 giorni - spiega il tecnico in conferenza stampa. La diagnosi è di pochi minuti fa. Il giocatore questa mattina si è sottoposto ad alcuni accertamenti e questo è il responso del dottor Giusti, responsabile dell'area medica. Nei giorni scorsi qualcuno aveva sottolineato l'importanza di Cori per il nostro gioco augurandosi che non capitasse nulla al calciatore. Detto fatto ecco il risultato. Sembra che qualcuno ci ha fatto il malocchio".

A 48 ore dal calcio d'inizio della partita in casa del Tuttocuoio di Cristiano Lucarelli, Capuano deve pensare a soluzioni alternative come ad esempio il ritorno al 3-5-1-1 per affrontare una squadra giovane e in salute con un allenatore che il tecnico amaranto stima molto.

"Defendi ha risolto i problemi fisici e sarà della partita - ha aggiunto Capuano. Non sarà facile sostituire Cori, main rosa abbiamo elementi come Mariani e Betancourt, un giocatore di talento sul quale abbiamo scommesso. Certo, mancando un centravanti come Sacha dovremo cercare un altro tipo di giocate sfruttando maggiormente il fraseggio e il pallone a terra. Tremolada? Mi aspetto molto da lui. Tecnicamente non c'è nulla da discutere, ma un trequartista nella mia squadra deve correre di più".

Possibile, visti i tempi di recupero, che l'Arezzo torni sul mercato per cercare un sostituto? Difficile, quasi impossibile. L'Arezzo ha già raggiunto il limite dei 24 giocatori che impone la Lega Pro.

"Potremmo cercare tra gli svincolati, ma poi dovremmo tagliare un over dalla rosa - spiega Capuano. E' difficile, assai difficile, sistemare tutto".

L'Arezzo quindi aspetterà Cori, sperando che i tempi di recupero possano ridursi drasticamente.

"Capuano non ha paura e non si arrende - chiosa il tecnico. Io sono come un leone ferito che sanguina. Divento più pericoloso e feroce in questi momenti".

Twitter @MatteoMarzotti

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento