Sport

La resilienza di Pavanel: "Ho un debito verso questa città"

"Io paziente? Diciamo che la mia è resilienza". Massimo Pavanel definisce così la sua stagione in amaranto a poche ore dalla chiusura del calciomercato. La partita contro la Lucchese è la prima dopo il termine delle trattative, gli addii di...

Massimo_Pavanel_conferenza_Monza2

"Io paziente? Diciamo che la mia è resilienza". Massimo Pavanel definisce così la sua stagione in amaranto a poche ore dalla chiusura del calciomercato.

La partita contro la Lucchese è la prima dopo il termine delle trattative, gli addii di Rinaldi, Corradi e D'Ursi, con il Cavallino che dovrà fare a meno di De Feudis squalificato.

Mister partiamo dal mercato. Come è nata la trattativa che ha portato D'Ursi al Bisceglie?

"Con il presidente avevamo parlato di Eugenio e la nostra idea era quella di proporgli il rinnovo di contratto - spiega Pavanel - c'era l'accordo. Così facendo avremmo patrimonializzato il giocatore. Poi secondo Eugenio e il suo procuratore l'offerta del Bisceglie era più vantaggiosa e quindi è partito. Dispiace perché è un ragazzo d'oro, un giocatore che poteva esserci utile".

E' un Arezzo che si è indebolito in questa sessione di mercato...

"Io parlerei di una squadra che ha cambiato le sue caratteristiche - prosegue Pavanel - poi sarà il campo a dare un giudizio. Certo è che adesso abbiamo abbondanza in alcuni ruoli e in altri siamo un po' corti. Io però credo al cento per cento nei miei ragazzi, possono raggiungere la salvezza".

Che formazione vedremo domani a Lucca?

"Mancheranno Lulli, De Feudis mentre Cenetti dovrà essere valutato perché ha rimediato una botta - sottolinea Pavanel - domani svolgeremo una seduta di rifinitura e fino ad allora mi tengo alcuni dubbi. La Lucchese si è rinforzata molto, sarà una gara difficile che non possiamo fallire".

Qual è il spostato d'animo alla chiusura del mercato e alla vigilia della sfida di domani?

"C'è la giusta tensione, la voglia di fare bene. E' accaduto di tutto in questa mia esperienza ad Arezzo. Io paziente? La mia è resilienza. Ho ricevuto molto da questa città e spero di colmare quanto prima questo debito".

Twitter @MatteoMarzotti

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La resilienza di Pavanel: "Ho un debito verso questa città"

ArezzoNotizie è in caricamento