rotate-mobile
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ferretti, Nuccilli e l'Unione Sportiva Arezzo. Gli interrogativi del popolo amaranto

Difficile tenere la testa concentrata solo sul calcio giocato al di là delle parole di mister Sottili. Così è almeno per i tifosi. Al netto del risultato di Racing Roma-Arezzo la partita del "Casal del Marmo" ha il sapore di un intermezzo tra le...

Difficile tenere la testa concentrata solo sul calcio giocato al di là delle parole di mister Sottili. Così è almeno per i tifosi. Al netto del risultato di Racing Roma-Arezzo la partita del "Casal del Marmo" ha il sapore di un intermezzo tra le vicende societarie e la conferenza stampa di Mauro Ferretti atteso per lunedì ad Arezzo.

Un appuntamento al quale Ferretti si presenterà con i suoi avvocati per dare la propria versione dei fatti su quanto emerso in settimana. Una vicenda quanto mai intricata dove a tenere banco è quel 51 per cento dell'Unione Sportiva Arezzo che era passato alla Flowers Holding di Alessandro Nuccili.

Persone vicine al club amaranto hanno lasciato intendere all'inizio che si è trattato di una "manomissione di alcuni documenti". Ferretti ha poi rincarato la dose lamentando una truffa denunciata alla Procura.

Dall'altra parte ecco Alessandro Nuccilli, imprenditore romano, che con la Flowers Holding aveva tentato la scalata alla massima carica del cavallino. Oltre all'ormai nota visura camerale c'è anche un atto stipulato il 3 febbraio. Esattamente 5 giorni dopo Arezzo-Alessandria, partita che Nuccilli osservò dalla tribuna vip del Comunale.

Le modalità di cessione della quota di partecipazione dell'Unione Sportiva Arezzo srl è pari a un valore nominale di 35.700 euro da corrispondere tramite assegno bancario allegato all'atto. L'atto non riporta che questa cifra sia il 51 per cento ma lo si può dedurre del capitale sociale dell'Arezzo (70mila euro).

Ma perchè la trattativa è saltata? I motivi sarebbero nel fatto che Nuccilli non ha potuto rispettare gli impegni economici presi. "L'apporto delle risorse finanziarie concordato tra le parti, costituisce condizione essenziale ai fini della validità dell'atto di acquisto delle quote sociali" si legge nell'atto. Lo stesso Nuccilli nel suo comunicato stampa sottolinea come "una situazione sopravvenuta ha creato ostacoli imprevisti ed un ritardo nel pagamento".

Trattativa saltata e l'Arezzo è così tornato a Ferretti. Al di là dell'idea che ogni tifoso si è leggittimamente fatto sulla vicenda Ferretti dovrà rispondere ad altre domande che sorgono in maniera così naturale.

Possibile che Ferretti non conoscesse Alessandro Nuccilli e i suoi precedenti tentativi di acquisire società calcistiche vicine come Parma, Monza, Varese, Grosseto, Foligno e Pavia? Nessuno ha indagato sull'interlocutore seduto a quel tavolo?

Ferretti vuole quindi vendere veramente l'Arezzo e se sì per quale motivo? Ma soprattutto c'è una domanda che tiene sulla graticola la piazza amaranto: quale sarà il futuro dell'Unione Sportiva Arezzo?

Articoli correlati:

Apre De Sousa, Moscardelli risponde (1-1). L’Arezzo strappa un punto davanti a Ferretti Twitter @MatteoMarzotti

Video popolari

ArezzoNotizie è in caricamento