Sabato, 12 Giugno 2021
Sport

Cristea no, Momenté nì. L'Arezzo cerca una punta, ma senza fare follie

L'arrivo di un altro attaccante non è un desiderio dei tifosi quanto un reale bisogno. Gli amaranto non segnano su azione dall'amichevole con l'Al Ahli e l'ultimo gol frutto di un fraseggio, di una palla filtrante e dell'iniziativa di un...

arezzo pontedera1

L'arrivo di un altro attaccante non è un desiderio dei tifosi quanto un reale bisogno. Gli amaranto non segnano su azione dall'amichevole con l'Al Ahli e l'ultimo gol frutto di un fraseggio, di una palla filtrante e dell'iniziativa di un attaccante capace di trovare lo spazio e il tempo per colpire risale al 19 luglio, al test contro il Cascia finito 7-0 per l'Arezzo. Un attaccante serve non solo numericamente ma quanto qualitativamente. Lo ha dimostrato l'infortunio di Cori. Senza i centimetri del numero nove viene meno la possibilità di salire o magari colpire su palla inattiva e cross.

Betancourt è alle prese con un problema fisico. Certo, ci sono Calabrese e Mariani, ma ai due baby non si può chiedere di essere già pronti e smaliziati.

In attesa di vedere all'opera Luca Tremolada, Capuano e Ciardullo sono ufficialmente a caccia di una punta dotata di un buon fiuto per il gol. Il problema che di gente così in Lega Pro non ce n'è molta, ma soprattutto c'è un particolare da considerare prima di tutto: il budget.

L'appellativo di bomber fa rima da sempre con ingaggio elevato. L'Arezzo non può e non vuole fare follie. Ecco perchè la trattativa con Matteo Momentè non decolla. L'entourage del giocatore, assistito da Luca Pasqualin, non smentisce e non conferma la trattativa con l'Arezzo che è solo una delle altre realtà di Lega Pro che hanno contattato un attaccante in grado di ambire ad un ingaggio importante.

Era tornato in auge il nome dell'attaccante rumeno classe 1984 Andrei Cristea. Un'ipotesi di mercato che non convince.

L'Arezzo cerca una base solida su cui puntare tenendo bene a mente che in rosa c'è un certo Sacha Cori, giocatore esperto sul quale Capuano ha scommesso e impostato buona parte del suo gioco un po' come accaduto un anno fa con Antonino Bonvissuto.

C'è un altro dato da valutare. Capuano dopo aver riportato Panariello ad Arezzo ha ancora a disposizione tre posti in rosa, due di questi quasi certamente per giocatori under. Ecco quindi che per l'attacco c'è spazio per un over, tradotto un giocatore d'esperienza.

Perchè questo Arezzo contro il Pontedera è piaciuto per come ha fatto girare palla in mezzo al campo, per quanto fatto vedere da Capece e Gambadori su tutti, ma è anche vero che gli amaranto non sono mai andati al tiro con le proprie punte.

C'è tempo fino al 31 agosto, ma i tifosi e forse anche Capuano sperano di sbloccare la situazione magari subito dopo Ferragosto.

Twitter @MatteoMarzotti

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cristea no, Momenté nì. L'Arezzo cerca una punta, ma senza fare follie

ArezzoNotizie è in caricamento